Contenuto sponsorizzato

Forte scossa di terremoto in provincia de L'Aquila. Persone in strada. Avvertita anche a Roma

Classificata tra i 4.4 e i 4.9 di magnitudo la scossa fa parte di uno sciame sismico che sta andando avanti da diverse ore

Pubblicato il - 07 novembre 2019 - 18:57

L'AQUILA. Paura in tutta la provincia dell'Aquila e tante persone si sono riversate in strada per una forte scossa di terremoto di magnitudo provvisoria compresa tra 4.4 e 4.9. La terra trema, in realtà, con intensità da diverse ore in tutto l'asse del Centro Italia con una serie di eventi sismici di lieve entità che si sono stati registrati nella notte tra Balsorano (L'Aquila) e Pescosolido (Frosinone).

 

La scossa più forte, era avvenuta intorno alle 1.15 di notte ed era stata di magnitudo 2.8, preceduta da una di magnitudo 2.2 avvenuta alle 22.50 di ieri e seguita da una di magnitudo 2.5 alle 4.39 di questa mattina.

 

I terremoti sono stati distintamente avvertiti dalla popolazione al confine tra Abruzzo e Lazio. Al momento non si registrano danni a cose o persone, ma in via precauzionale il sindaco di Balsorano, Antonella Buffone, ha disposto la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado causa dello sciame sismico in atto. 

 

Quella di questa sera, avvenuta alle 18.35 è stimata dall'Ingv a 4.4 con epicentro a pochi chilometri da Balsorano, al confine tra Lazio e Abruzzo. La profondità è di soli 14 km. Il sisma è stato avvertito chiaramente anche a Roma, Rieti e nel basso Lazio. Molte chiamate ai vigili del fuoco. Non ci sono per il momento segnalazioni di danni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 novembre - 05:01

Il consigliere pentastellato non ci sta: il manifesto va cambiato perché manda un messaggio sbagliato. "Non va inculcato nella testa dei bambini che il papà è un orco". Non si è fatta attendere la reazione di Non una di meno-Trento: "Per contrastare ogni discriminazione e fenomeno oppressivo dobbiamo guardare alla sua radice e non annacquare tutte le situazioni in riferimenti generici privi di contesto"

22 novembre - 08:22

Si tratta di Luca Bettega. Sul posto si sono portati i carabinieri e il medico legale. E' stata disposta l'autopsia per accertare le causa della morte 

21 novembre - 19:19

Per l'assessora provinciale competente questo sarebbe ''un segnale importante'' per aiutare chi quotidianamente convive con i problemi legati all'handicap eppure le variabili in gioco sembrano essere davvero troppe. La norma rischia di valere per pochissimi casi. Meglio sarebbe stato potenziare la legge nazionale che prevedere di favorire lo smart working per i genitori di figli disabili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato