Contenuto sponsorizzato

Frane in Val Daone, crollano grossi massi sull'asfalto. Viabilità interrotta per la Val di Fumo

Il maltempo di ieri sera ha creato disagi e problemi in tutta la provincia. Sopra Daone due frane hanno provocato la chiusura della strada per Pracul e per Morandino. Resta chiusa la prima mentre un semaforo regola il traffico sulla seconda

Pubblicato il - 27 aprile 2019 - 12:17

VAL DAONE. Frane e smottamenti anche in Val Daone sono avvenuti ieri sera a causa del maltempo che si è abbattuto sul territorio provinciale. Vento e pioggia hanno causato un crollo di detriti, grossi massi e terra sopra la strada provinciale 27 che da Daone prosegue verso il lago di Malga Boazzo poco prima della frazione di Daone, Pracul, verso la Val di Fumo.

 

E massi sono precipitati anche sulla strada comunale che percorre sempre la Valle di Daone direzione Morandino. A franare delle pietre larghe anche due metri quadri difficili da spostare e molto pesanti. Fondamentale, poi, mettere in sicurezza le parti sovrastanti le strade con reti paramassi e barriere. Per questo nei vari punti critici sono intervenuti i vigili del fuoco di Daone e della zona oltre alla polizia locale Valle del Chiese per il servizio di pulizia e assistenza viabilità.

 

Entrambe le strade sono rimaste chiuse al traffico ma dopo un intenso lavoro dei vigili del fuoco e del servizio strade la comunale per la Val Daone è stata riaperta con un semaforo che regola il senso alternato di marcia. Resta chiusa la provinciale che salve verso il Lago di Malga Boazzo

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato