Contenuto sponsorizzato

Maltempo, pioggia e smottamenti nel bellunese. Vigili del fuoco e protezione civile al lavoro

Passo Fedaia è stato riaperto nel corso della mattinata mentre stanno proseguendo i lavori per riaprire la strada di passo Pordoi. Gran parte del territorio bellunese colpito da frane 

Pubblicato il - 02 agosto 2020 - 11:32

BELLUNO. Nel corso della mattinata è stato riaperto Passo Fedaia mentre si sta ancora lavorando senza sosta per la sistemazione della strada per passo Pordoi.

Nel corso della notte la forte pioggia e il vento hanno causato non pochi problemi soprattutto nella zona di confine tra Trentino e Veneto nel bellunese. Tre frane erano state registrate da ieri sera sulla SR 48 delle Dolomiti. Sassi e detriti hanno poi bloccato anche la strada provinciale 641.

Il maltempo non ha dato tregua soprattutto nel bellunese. Il violento nubifragio di ieri sera sopra Sottoguda ha causato delle frane che hanno coinvolto anche delle macchine.

 

Grossi smottamenti che si stanno ora verificando sono avvenuti anche nella valle Ombretta dove sono state coinvolte anche alcune auto.

I vigili del fuoco, con volontari di Caprile e Rocca Pietore, si sono subito messi al lavoro supportati anche dai permanenti. Allertata anche la protezione civile.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 18:21

E' grande il cordoglio in Trentino per la scomparsa di una figura di primo piano per il territorio, un grande impegno che l'ha portato a essere insignito del titolo di "Maestro del lavoro" nel 2007

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato