Contenuto sponsorizzato

Frontale sulla Nazionale, l'appello dei vigili del fuoco di Besenello: ''Prestate attenzione alla segnaletica e moderate la velocità''

Nella tarda mattina di martedì 19 novembre si è verificato un frontale in località Acquaviva, un'area oggi interessata dai lavori per realizzare il nuovo depuratore. I pompieri di Besenello: "Troppo spesso veniamo allertati per incidenti in quella zona. Sinistri che sarebbero evitabili seguendo poche regole"

Pubblicato il - 19 novembre 2019 - 20:29

BESENELLO. "Chiediamo agli automobilisti di prestare maggiore attenzione alla segnaletica stradale, soprattutto nelle ore serali". Questo l'appello dei vigili del fuoco di Besenello dopo l'ennesimo incidente avvenuto lungo la via Nazionale. 

 

Nella tarda mattina di martedì 19 novembre si è verificato un frontale in località Acquaviva, un'area oggi interessata dai lavori per realizzare il nuovo depuratore (Qui articolo). "Purtroppo - aggiunge Alessandro Adami, comandante del corpo di Besenello - siamo già intervenuti diverse volte anche prima che la zona diventasse un cantiere. Spesso, troppo spesso, veniamo allertati per incidenti più o meno gravi lungo quella strada. Sinistri evitabili seguendo poche regole".

 

E così i pompieri, sempre tra i primi a intervenire in caso di necessità, chiediamo agli automobilisti (e motociclisti) di prestare maggiore attenzione per ridurre il tasso di incidentalità in quel tratto di strada. "Serve maggiore rispetto della segnaletica - proseguono i vigili del fuoco di Besenello - soprattutto quando diventa buio in quanto la strada è scarsamente illuminata. Ora che arriva l'inverno, l'asfalto può diventare ancora più insidioso e quindi è necessario moderare la velocità e mantenere le distanze di sicurezza".

 

Dopo l'uscita di un post dei pompieri di Mezzolombardo con cui si elencavano delle “buone norme” da seguire in caso di incidente, riprendiamo anche quello del corpo dei vigili di Riva del Garda che ha pubblicato “tre regole fondamentali” da rispettare una volta sulla strada.
 

Prima di tutto allacciare le cinture di sicurezza, compreso ai propri passeggeri, bambini e adulti. In secondo luogo mantenere la destra, specie in curva, per non invadere la corsia opposta. Infine, moderare la velocità. Regole basilari, ma da rispettare quando si è alla guida per evitare di incorrere in incidenti.

 

Se invece si assiste ai sinistri, i precetti da seguire sono altri: come cercare di creare un corridoio centrale, quando si è in colonna, per permettere il passaggio dei mezzi in caso di mancanza di corsia di emergenza; evitare di fare inversioni ad "U"mentre la macchina dei soccorsi si porta sul luogo di un incidente.

 

E ancora non avvicinarsi troppo alle macchine incidentate: fondamentale lasciare un adeguato spazio tra voi e i veicoli coinvolti per permettere così l'arrivo e il posizionamento dei mezzi d'emergenza, ma anche eventualmente dell'elicottero; non lasciare incustodite le auto non passeggiare sulla carreggiata.
 

Ogni deviazione o chiusura del traffico viene decisa dagli operatori delle forze dell'ordine o dei vigili del fuoco. Sulla strada, dunque, badate a seguire queste poche e semplici regole, per l'incolumità vostra e degli altri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 17:04

Sulle piste da sci Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Bolzano, Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, chiedono un passo indietro al Governo: “Senza l’apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l’intera stagione”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato