Contenuto sponsorizzato

Gelicidio e maxi incidente in Valsugana, l'esperto: ''La pioggia e la temperatura sotto lo zero hanno ghiacciato la strada''

I dati registrati dalla stazione di MeteoTriveneto a Selva di Grigno mostrano come la temperatura fosse sotto zero da prima della mezzanotte, con una minima di -3,1 gradi. La strada si è trasformata in una trappola per una trentina di veicoli, compresi i soccorsi

Di Luca Andreazza - 14 gennaio 2019 - 12:48

TRENTO. Una serie di incidenti e tamponamenti a catena, auto fuori strada e una trentina di veicoli coinvolti, comprese ambulanzecarabiniericamion e mezzi pesanti. E' successo tra Grigno e Primolano, quando la strada si è trasformata in una lastra di ghiaccio a causa del gelicidio (Qui articolo). Una situazione dovuta a 0,4 millimetri di pioggia, temperature sotto lo zero e anche un po' di vento.

 

Un fenomeno che si verifica quando in quota arriva aria calda (in questo caso favorita anche dal Foehn), che porta quindi a precipitazioni piovose, mentre al suolo la temperatura è sotto lo zero e soprattutto le superfici sono sotto lo zero.   La pioggia ha quindi raggiunto il terreno (ed il manto stradale) e al contatto con lo stesso, essendo la temperatura sotto lo zero, si è congelata, quindi ecco spiegato il gelicidio o pioggia congelantesi.

 

"Il promontorio di alta pressione sull’Atlantico e una circolazione depressionaria sull'Europa dell'Est - spiega Giampaolo Rizzonelli di MeteoTriveneto - hanno dirottato ancora correnti settentrionali sulle Alpi. Un fronte che ha portato Stau sul versante nord della catena alpina, ma anche 'sfondato' in Italia per portare precipitazioni abbondanti sulla fascia di confine (Brennero e Valle Aurina), mentre altre precipitazioni si sono spinte fino a raggiungere la Val di Fassa e Fiemme".

 

Sul resto della nostra provincia è arrivato invece il Foehn, accompagnato da qualche debole precipitazione, come in Valsugana, dove è piovuto, pochissimo, ma quanto basta per provocare il gelicidio e l'enorme sequenza di incidenti di questa mattina. 

"E' dovuto alla presenza di aria più calda in quota - dice l'esperto di MeteoTriveneto - scaldata anche dal Foehn, nonostante la temperatura al suolo fosse inferiore allo zero. La pioggia ha raggiunto il terreno e il manto stradale: il contatto e la temperatura hanno causato il gelicidio o la pioggia congelantesi".

 

Un quadro confermato dalla stazione dell'Associazione MeteoTriveneto installata a Selva di Grigno” dove si vede chiaramente come la temperatura fosse sotto lo zero da già prima della mezzanotte fino a raggiungere i -3,1 gradi di minima

Il termometro è rimasta sotto zero da poco prima di mezzanotte fino alle 8 circa. Tanto basta per formare il gelicidio e causare quanto successo in Valsugana.

 

"Interessante anche l'effetto del Foehn - conclude Rizzonelli - nel giro di poche ore ha riportato la temperatura a raggiungere i 10 gradi e questo ha accelerato e influito sui processi che portano alla pioggia congelantesi".

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 gennaio - 05:01

L'assessore mostra di credere di più nella logica dei numeri e della quantità che in quella della qualità: ''Una destinazione turistica che ha meno di 1 milione di presenze non ha un peso specifico sufficiente per posizionarsi sul mercato mentre è da 3 milioni di presenze che abbiamo la forza per stare sul mercato da veri protagonisti''. Ma la strategia che si vuole perseguire qual è? Quella di una ''riminizzazione'' del territorio? E a Bolzano che hanno 76 enti invece che i 20 trentini sbagliano?

28 gennaio - 19:24

Approvata la mozione proposta da De Menech (Partito democratico) contro lo spopolamento della montagna: “Negli ultimi 20 anni varati dei provvedimenti per contrastare il fenomeno, ma non sono stati sufficienti. Vogliamo stimolare il governo ad aumentare l’impegno”. Il ministro: "Venerdì prossimo ci saranno gli Stati generali sulla Montagna, importante occasione per confrontarci e affrontare nodi ancora irrisolti"

28 gennaio - 18:57

La skiarea trentina di Pejo3000, la prima al mondo a mettere al bando i prodotti plastici, ha lanciato una campagna di comunicazione molto particolare: su piste e impianti sono stati collocati pannelli informativi con le frasi più celebri di molti “big” del passato per sensibilizzare gli sciatori ad abbandonare l'uso della plastica

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato