Contenuto sponsorizzato

Il cane scivola nella scarpata e il padrone cerca di recuperarlo ma precipita per un centinaio di metri

Attimi di paura questa mattina sui monti sopra il Lago d'Iseo. Un 43enne era in passeggiata a quota 1.500 metri con il cane quando questi è scivolato sulla neve

Pubblicato il - 30 November 2019 - 17:23

ZONE. Ha rischiato grosso un 43enne questa mattina che nel tentativo di salvare il suo cane è precipitato in una scarpata per un centinaio di metri provocandosi ferite e fratture. L'uomo si trovava nella zona di Palmarusso di sopra, sul territorio di Zone che si trova sopra il Lago d'Iseo in provincia di Brescia, a quota 1.500 metri ed erano circa le 6 del mattino quando è partito l'allarme. 

 

Il cane del 43enne, un uomo del posto, stava camminando quando è scivolato sul ghiaccio e sulla neve caduta in grande quantità nelle scorse settimane. A quel punto è precipitato in una scarpata sotto gli occhi del padrone che subito si è sporto per cercare di recuperarlo ma è scivolato a sua volta ruzzolando molto più in profondità dell'animale. L'uomo nella caduta ha sbattuto più volte e ha riportato diverse ferite e traumi (tra i quali uno toracico e uno cranico).

 

Terminata la discesa e superato lo shock ha chiamato i soccorsi. Sul posto è arrivato l'elicottero e gli uomini del soccorso alpino oltre ai vigili del fuoco. Raggiunto il 43enne lo hanno caricato sull'elicottero e portato a Brescia all'ospedale in codice rosso, anche se non era in pericolo di vita. Il cane, fortunatamente illeso, è stato a sua volta salvato ed affidato ad altre due persone che si trovavano in zona, entrambi compaesani del padrone. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 January - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

16 January - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 January - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato