Contenuto sponsorizzato

Il corpo di Matteo Penasa trovato senza vita alla base della cascata di ghiaccio. L'allarme lanciato dal padre

L'allarme è stato lanciato intorno alle 15 dal padre. Il 43enne si trovava da solo in escursione. La macchina dei soccorsi subito in azione, ma per l'uomo non c'è stato nulla da fare

Pubblicato il - 20 gennaio 2019 - 19:07

CIMEGO. E' Matteo Penasa, persona molto conosciuta a Pieve di Bono, la vittima dell'incidente a Cimego avvenuto questo pomeriggio nel corso di un'escursione. 

 

L'uomo di 43 anni era uscito questa mattina, da solo, per scalare una cascata di ghiaccio sopra Malga Cadino sulla sinistra orografica del fiume Chiese. 

 

Secondo le prime ricostruzioni, Penasa avrebbe perso l'appiglio per precipitare diversi metri e sbattere violentemente a terra.

 

L'allarme è stato lanciato dal padre che aspettava il figlio alla malga.

 

Dopo aver atteso un po' di tempo e non aver più avuto notizie, il padre ha chiamato il Numero unico di emergenza intorno alle 15 per dare l'avvio alle ricerche.

 

Sul posto si sono immediatamente portati gli uomini del Soccorso alpino, i quali hanno chiesto l'intervento dell'elicottero per effettuare un sorvolo della zona.

 

Il velivolo è riuscito a individuare il corpo dello scalatore alla base della cascata di ghiaccio. L'elicottero ha quindi fatto sbarcare il personale tecnico e medico

 

Il personale sanitario però non ha potuto far altro che constatare il decesso dell'uomo e nel frattempo anche i carabinieri si sono portati sul luogo dell'incidente per i rilievi. 

 

Il corpo di Penasa è stato recuperato dall’elicottero con il supporto del personale del Soccorso alpino e trasportato alla camera mortuaria dell’ospedale di Tione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 agosto - 06:01

Dubbi sulla legittimità dell'ordinanza altoatesina che arrivano anche nell'intervista alla Rai di lingua tedesca bolzanina di Luigi Spagnolli, dirigente del servizio fauna provinciale: "Attualmente non costituisce pericolo. Cattura o abbattimento non sono possibili"

21 agosto - 08:38

Troppo grave le ferite riportate nella caduta. Trasportato al Santa Chiara sabato scorso, il decesso risale a lunedì. Menni era un medico di base a Brescia molto conosciuto. Lascia tre figli

21 agosto - 08:18

La donna 70enne da mesi non pagava l'affitto e ieri avrebbe dovuto ricevere lo sfratto per morosità dall'Itea. Era stata segnalata anche per problemi legati al gioco d'azzardo. Fortunatamente i famigliari colpiti con il martello non sono in pericolo di vita 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato