Contenuto sponsorizzato

Il Leno spaventa a Rovereto, la sala di piena della Protezione civile e i vigili del fuoco monitorano la situazione

Il torrente Leno viene controllato e presidiato lungo il suo sviluppo tra Terragnolo, Vallarsa e la città della quercia, il livello del corso d'acqua è ancora sotto la soglia di guardia, ma viene soprattutto attenzionata la situazione al ponte delle Zigherane a Rovereto in quanto è vicino a lambire gli argini. Nei giorni scorsi operazioni di svasamento alle dighe di San Colombano e Speccheri

Di L.A. - 24 novembre 2019 - 19:16

ROVERETO. Massima allerta a Rovereto, dove il torrente Leno è monitorato in modo continuo. Il livello del corso si è innalzato non solo a causa della pioggia intesa di questi giorni, ma anche per le operazioni di svasamento delle dighe di San Colombano e quella di Speccheri in Vallarsa quale misura precauzionale per permettere maggiore capacità di raccolta dell'acqua agli invasi (Qui articolo).

 

Nella mattina di oggi è stata attivata la Sala di piena della Protezione civile per tutti i corsi d'acqua provinciale, quindi a mezzogiorno e mezzo è entrato in funzione in particolare quello per monitorare il Brenta e il Leno

 

Il torrente Leno viene controllato e presidiato lungo il suo sviluppo tra Terragnolo, Vallarsa e la città della quercia, il livello del corso d'acqua è ancora sotto la soglia di guardia, ma viene soprattutto attenzionata la situazione al ponte delle Zigherane a Rovereto in quanto è vicino a lambire gli argini.

Le precipitazioni si sono un po' attenuate nel corso del pomeriggio, ma in serata e nel corso della notte è atteso un peggioramento. Il comandante dei vigili del fuoco di Rovereto, Marco Simonetti, è in costante contatto con il sindaco Francesco Valduga, il dirigente comunale Luigi Campostrini e Andrea Darra, responsabile del servizio Bacini montani, per seguire minuto per minuto l'evolversi della situazione. 

 

Le unità del sistema di Protezione civile sono in pre-allerta per eventuali interventi preliminari e precauzionali, mentre i vigili del fuoco e le forze dell'ordine pattugliano le aree considerate più a rischio.    

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 05:01

L’anomalia dei tamponi molecolari: con una parità quasi perfetta dei test eseguiti (13.892 a Trento, 13.764 a Bolzano) i positivi rilevati dall’Alto Adige sono il triplo di quelli trentini dove, in 10 giorni, si dichiarano appena 567 contagi. Dai casi fantasma ai macroscopici errori dell’Iss (che dovrebbe controllare le Regioni), pare impossibile avere un quadro puntuale dell’evoluzione epidemiologica

16 gennaio - 19:43

Sono 333 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 46 pazienti sono in terapia intensiva e 45 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 7 decessi di cui 6 in ospedale

16 gennaio - 17:59

Fugatti esulta: “Grazie ad un Rt sotto l’1 il Trentino rimane in zona gialla”, ma in conferenza stampa deve spiegare. Nel monitoraggio settimanale dell’Iss l’Rt del Trentino è indicato all’1.01. Nel frattempo Luca Zaia, nonostante un Rt di 0.96, ha chiesto e ottenuto di finire in zona arancione

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato