Contenuto sponsorizzato

In Alto Adige per diventare Alpini: 148 nuovi volontari per le truppe da montagna dell’Esercito

Sono arrivati in questi giorni in Val Pusteria per portare avanti la tradizione di uno dei corpi più importanti dell'Esercito Italiano

Pubblicato il - 29 novembre 2019 - 15:51

BRUNICO. La tradizione resta viva grazie ai volontari. In questi giorni sono arrivati 148 nuovi volontari in ferma prefissata di un anno (Vfp1) dell'esercito sono arrivati in quel di Brunico e assegnati alle truppe alpine. Sono ragazzi e ragazze che arrivano dai reggimenti di addestramento volontari di Montorio Veronese, Ascoli, Capua e Cassino.

 


 

In Val Pusteria rimarranno fino a metà gennaio quando, ultimato anche il Modulo Integrativo per le Truppe Alpine (MITALP) presso il 6° reggimento Alpini, verranno assegnati ai definitivi reparti di servizio.

 


 

Al 6° impareranno cosa vuol dire essere Alpini, mettersi alla prova in un contesto che li calerà perfettamente nel difficile ambiente montano e in pieno periodo invernale, quando freddo e fatica esaltano la capacità di adattamento e la determinazione del singolo soldato e favoriscono al contempo la naturale creazione di quell’affiatamento e spirito di corpo caratteristico delle truppe da montagna dell’Esercito, da sempre fiore all’occhiello della Forza Armata.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato