Contenuto sponsorizzato

Incendio di Albiano, due auto carbonizzate e un cane salvato in extremis. Una cinquantina di pompieri impegnati per domare le fiamme

L'allarme è scattato intorno alle 4.20, quando i residenti di una casa a schiera in via Manzoni hanno notato prima il fumo e poi le fiamme uscire dal garage. Tempestivo l'arrivo dei pompieri di Albiano, Fornace, Lona-Lases e dei permanenti di Trento. Sul posto anche carabinieri e ambulanza della Stella bianca

Di L.A. - 10 novembre 2019 - 19:05

ALBIANO. Lavoro a oltranza per una cinquantina di vigili del fuoco che sono intervenuti nella notte tra sabato 9 e domenica 10 novembre per un incendio scoppiato all'interno di un garage. Le fiamme hanno carbonizzato due auto e tantissimo altro materiale, mentre un cane che dormiva all'interno di un locale vicino è stato salvato in extremis.

 

L'allarme è scattato intorno alle 4.20, quando i residenti di una casa a schiera in via Manzoni hanno notato prima il fumo e poi le fiamme uscire dal garage. Immediata la telefonata al numero unico per le emergenze e sul posto sono accorsi i pompieri di Albiano, così come i corpi di Fornace, Lona-Lases e i permanenti di Trento, quindi i carabinieri e l'ambulanza della Stella bianca di Albiano

 

I vigili del fuoco e le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area, i residenti sono stati evacuati per ragioni di sicurezza e non sono potuti rientrare nelle abitazioni per diverse ore. Le condizioni sanitarie di una decina persone sono state controllate dal personale sanitario in via precauzionale, ma fortunatamente non ci sono feriti o intossicati. Anche il cane è stato portato in salvo in tempo.

Nel frattempo i pompieri hanno avviato le operazioni di spegnimento per fronteggiare le fiamme e evitare che il fuoco si propagasse al resto dell'edificio di via Manzoni. Una volta estinto il fuoco, i pompieri hanno atteso che le temperature all'interno del garage si abbassassero per areare il locale.

 

A quel punto i soccorsi hanno bonificato la zona, proceduto con i lavori di smassamento e la conseguente rimozione di tutto il materiale bruciato e delle auto finite carbonizzate. Terminate queste operazioni intorno a mezzogiorno, i carabinieri hanno iniziato i rilievi e le verifiche per comprendere le ragioni che hanno portato al rogo.

 

Sono, comunque, ingenti i danni tra due auto completamente distrutte, attrezzature e materiali bruciati, oltre ai danneggiamenti causati dal fumo. Anche i vicini hanno aiutato i proprietari della casa a portare fuori dal garage gli oggetti anneriti una volta cessato l'allarme. Non si esclude alcuna ipotesi, anche se in questo momento i militari propendono più per una causa accidentale, un cortocircuito dell'impianto elettrico, rispetto all'incendio doloso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

12 novembre - 13:53

In 10 anni spesi oltre 1,6 milioni di euro per borse di studio e contributi per soggiorni studio all'estero in favore dei figli di personale tecnico e amministrativo e dei collaboratori esperti linguistici. Per l'accusa, questi sussidi, sono stati erogati in maniera illegittima provocando un danno erariale, pertanto a risponderne sono stati chiamati due dipendenti dell'Università che hanno sottoscritto l'accordo in questione 

12 novembre - 13:12

E' avvenuto sull'Altopiano della Vigolana, dove il giovane risiedeva. Pedinato dai finanzieri, è stato fermato e ha tentato la fuga. La perquisizione dell'auto e della casa hanno così portato al rinvenimento di 7 etti di fumo, 15mila euro e due lingotti d'oro. Il soggetto era stato protagonista dell'efferato pestaggio di un militare al di fuori di un noto locale valsuganotto. Arrestato

12 novembre - 05:01

“Bene, è arrivata una nuova pollastrella” , sono queste le parole che Hope (nome di fantasia per motivi di sicurezza) ha sentito la mattina che ha capito di essere stata venduta alla mafia nigeriana. Aveva appena 18 anni quando è successo. E' stata costretta a spogliarsi, a farsi valutare come un oggetto all'asta da Madame, colei che si occupa del business nigeriano. Poi è finita sulla strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato