Contenuto sponsorizzato

Incendio di Albiano, due auto carbonizzate e un cane salvato in extremis. Una cinquantina di pompieri impegnati per domare le fiamme

L'allarme è scattato intorno alle 4.20, quando i residenti di una casa a schiera in via Manzoni hanno notato prima il fumo e poi le fiamme uscire dal garage. Tempestivo l'arrivo dei pompieri di Albiano, Fornace, Lona-Lases e dei permanenti di Trento. Sul posto anche carabinieri e ambulanza della Stella bianca

Di L.A. - 10 novembre 2019 - 19:05

ALBIANO. Lavoro a oltranza per una cinquantina di vigili del fuoco che sono intervenuti nella notte tra sabato 9 e domenica 10 novembre per un incendio scoppiato all'interno di un garage. Le fiamme hanno carbonizzato due auto e tantissimo altro materiale, mentre un cane che dormiva all'interno di un locale vicino è stato salvato in extremis.

 

L'allarme è scattato intorno alle 4.20, quando i residenti di una casa a schiera in via Manzoni hanno notato prima il fumo e poi le fiamme uscire dal garage. Immediata la telefonata al numero unico per le emergenze e sul posto sono accorsi i pompieri di Albiano, così come i corpi di Fornace, Lona-Lases e i permanenti di Trento, quindi i carabinieri e l'ambulanza della Stella bianca di Albiano

 

I vigili del fuoco e le forze dell'ordine hanno messo in sicurezza l'area, i residenti sono stati evacuati per ragioni di sicurezza e non sono potuti rientrare nelle abitazioni per diverse ore. Le condizioni sanitarie di una decina persone sono state controllate dal personale sanitario in via precauzionale, ma fortunatamente non ci sono feriti o intossicati. Anche il cane è stato portato in salvo in tempo.

Nel frattempo i pompieri hanno avviato le operazioni di spegnimento per fronteggiare le fiamme e evitare che il fuoco si propagasse al resto dell'edificio di via Manzoni. Una volta estinto il fuoco, i pompieri hanno atteso che le temperature all'interno del garage si abbassassero per areare il locale.

 

A quel punto i soccorsi hanno bonificato la zona, proceduto con i lavori di smassamento e la conseguente rimozione di tutto il materiale bruciato e delle auto finite carbonizzate. Terminate queste operazioni intorno a mezzogiorno, i carabinieri hanno iniziato i rilievi e le verifiche per comprendere le ragioni che hanno portato al rogo.

 

Sono, comunque, ingenti i danni tra due auto completamente distrutte, attrezzature e materiali bruciati, oltre ai danneggiamenti causati dal fumo. Anche i vicini hanno aiutato i proprietari della casa a portare fuori dal garage gli oggetti anneriti una volta cessato l'allarme. Non si esclude alcuna ipotesi, anche se in questo momento i militari propendono più per una causa accidentale, un cortocircuito dell'impianto elettrico, rispetto all'incendio doloso.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 11:47

Mentre in questi giorni si è assistito a qualcosa di farsesco con i gilet arancioni scesi in piazza per dire che il coronavirus non esiste, che vogliono la lira e dicono no al 5G, con le proteste, separate dai primi, di Casa Pound e altri gruppi di estrema destra, domani si annunciano altre manifestazioni (con Lega e Fratelli d'Italia). Salvini oggi polemizza perché non gli viene concesso di deporre una corona all'Altare della Patria ma l'anno scorso, quando poteva farlo perché era istituzione, non aveva partecipato

01 giugno - 06:01

Il lockdown non ha fermato i giovani e il loro impegno per il futuro: i pensieri dei ragazzi e il loro lavoro con gli insegnanti è continuato e c’è stata la possibilità di portare a conclusione progetti cominciati prima della chiusura delle scuole. Ecco la lettera con le proposte della seconda media. La prof: ''Aspetteremo la risposta, poiché speriamo di venire presi in considerazione e, quando la riceveremo la condivideremo anche con i vostri lettori''

01 giugno - 10:21

Questo pomeriggio è previsto un incontro in videoconferenza tra associazioni e istituzioni per cercare di mettere in campo delle soluzioni. Intanto, però, già ieri in tanti sono finiti in strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato