Contenuto sponsorizzato

La cagnolona si sporge e la neve cede sotto le sue zampe. Precipitata dal Manderiolo si continua a cercare

Ieri l'incidente, con il padrone che ha rischiato a sua volta di scivolare. Poi l'arrivo dei soccorritori e il tentativo di recupero dell'animale con calata per un centinaio di metri senza riuscire a trovarlo. Questa mattina la spedizione di un gruppo di volontari dal versante dell'alta Val di Sella

Pubblicato il - 17 November 2019 - 16:00

LUSIANA CONCO. Si è sporta da un cornicione e la neve sotto le sue zampe ha ceduto facendola precipitare e scomparire nella scarpata ricoperta di bianco. In un attimo il padrone, un 43enne di Camposampiero (provincia di Padova) ha tentato di afferrarla scivolando a sua volta per alcuni metri  riuscendo, fortunatamente, a fermarsi e a risalire. Non ci sono solo le persone in difficoltà da aiutare, in queste ore. C'è anche una cagnolona, Hera è il suo nome, una femmina di pastora belga Malinois di 4 anni che ieri è scomparsa sotto gli occhi dei suoi padroni mentre si trovavano su un sentiero verso cima Mandriolo nella zona dell'Altopiano di Asiago. 

 

Sul posto è intervenuto il soccorso alpino veneto con una squadra che già intorno alle 14 si è portata sulla vetta partendo da Asiago. Ad allertarli il soccorso alpino di Lavarone. Una volta sul posto i soccorritori hanno attrezzato le calate e sono scesi con le corde per un centinaio di metri lungo il ripido versante caratterizzato da piccoli salti e affioramenti rocciosi, spiega il soccorso alpino veneto, senza purtroppo riuscire a rinvenire traccia dell’animale. E' arrivato il buio e la comitiva ha dovuto fare rientro a valle.

 

Ma nonostante le difficili condizioni climatiche quest'oggi un gruppo di volontari ha tentato di risalire i sentieri dell'alta val di Sella (fra Barco di Levico e Borgo) per cercare di recuperare la cagnolona nella speranza che fosse sopravvissuta e si fosse spostata verso l'altro versante. Al momento non ci sono notizie del ritrovamento. L'appello, però, è validissimo perché Hera potrebbe già aver percorso diversi chilometri e quindi chiunque, nella zona, avesse informazioni  

 

Questo l'appello di ieri: "Sabato 15/11/2019 Hera é caduta da cima Mandriolo (zona Altipiano di Asiago). Per chiunque vorrà aiutarci nelle ricerche domenica partiamo da Borgo Valsugana verso località Sella per prendere il sentiero 207 e cercare di arrivare sotto alla cima da cui è caduta. Il soccorso alpino e vigili del fuoco (che ringraziamo infinitamente) si sono calati con le corde e non vedendola hanno detto che forse si è spostata. l’elisoccorso è dovuto rientrare per condizioni meteo avverse. Si tratta di un cane pastore belga Malinois. Grazie a tutti, se potete condividete più possibile".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato