Contenuto sponsorizzato

Lilt cerca volontari, l'appello: "Per continuare a crescere, abbiamo bisogno dell’aiuto di più persone". Uniti contro i tumori

Tra i requisiti solo la maggiore età e tanta buona volontà. Il corso di formazione per i volontari con diverse specializzazioni al via il 9 e 16 febbraio. La prevenzione e la diagnosi precoce sono alla base della filosofia della lega italiana per la lotta contro i tumori

Di Cinzia Patruno - 11 gennaio 2019 - 20:18

TRENTO. Volontari cercasi per una buona causa. Lilt, attiva e presente in Trentino da molti anni per sostenere i pazienti oncologici e le loro famiglie, chiama a raccolta chiunque sia maggiorenne, abbia la volontà di seguire un piccolo corso di formazione e voglia dare una mano. Il corso di formazione è previsto nelle giornate del 9 e 16 febbraio.

 

Come tante realtà presenti in Trentino, è anche grazie all'aiuto dei suoi volontari che Lilt, la lega italiana per la lotta contro i tumori, riesce ad informare la popolazione sui tumori, promuovere corretti stili di vita, favorire la prevenzione e aiutare coloro che hanno bisogno

 

Il volontario è per Lilt il testimonial d’eccezione, che condivide gli obiettivi dell’Associazione, ne trasmette i valori e divulga i servizi. Per continuare a crescere, Lilt ha bisogno dell’aiuto di più persone, che vogliano gratuitamente mettersi al servizio degli altri. La ricerca interessa alcuni settori specifici di cui l'associazione si occupa. A seguito del corso di formazione, i volontari potranno essere impiegati negli ospedali di Trento e di Rovereto: a fianco del paziente (adulto e bambino) e della famiglia per un ascolto attivo, per compagnia e per piccoli gesti di aiuto concreto.

Altri potranno essere destinati al servizio accompagnamento in auto a Trento. Accompagnare chi deve recarsi alle terapie in ospedale o in Protonterapia, partendo dalla Casa accoglienza o dagli appartamenti Lilt a Trento, significa risolvere una piccola ma importante difficoltà quotidiana.

 

L'aiuto è necessario sull'intera rete provinciale, nelle delegazioni Lilt di Rovereto, Cles, Tione, Cavalese, Cavedine, Borgo, Pergine, Mezzano e Arco, fornendo un supporto alla segreteria e per l’accoglienza personale o telefonica di chi si rivolge a Lilt.

 

Per gli aspiranti volontari particolarmente interessati all'ambito preventivo, verrà avviata una speciale ricerca per volontari nel gruppo Agenti Addestratori 00sigarette: per l’attività di educazione alla salute nelle scuole elementari, con interventi basati sul gioco e sull’interazione con i ragazzi. Le caratteristiche utili per questo volontariato sono la motivazione per l’obiettivo del progetto, l’essere portati per le attività di animazione e per la gestione di gruppi di bambini. Non è necessario avere esperienza, si dovranno seguire alcuni incontri formativi.

 

Tutti coloro che fossero interessati a contribuire donando il proprio tempo e le proprie competenze in nome della solidarietà, possono contattare gli uffici di Lilt sezione provinciale di Trento (Qui i contatti).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.03 del 10 Dicembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 dicembre - 17:45

Le fermentazioni regolari, hanno dato origine a vini puliti, con intensi profumi fruttati, strutturati, con ottime acidità fisse e bassi tenori di acidità volatile. Si evidenziano punte di eccellenza nei vini rossi medio-tardivi (Teroldego). La cimice asiatica ha colonizzato tutti gli areali della provincia ma sulle viti non si segnalano particolari danni (usate per l'ovodeposizione)

10 dicembre - 20:01

Sui segretari comunali è scontro Lega-Pd: se da un lato Fugatti parla di una norma “che permetterà alle amministrazioni locali di lavorare”, i Dem accusano: “Ancora una volta si dimostra il più totale disprezzo verso le Istituzioni trentine”

10 dicembre - 16:44

Ponti, viadotti e cavalcavia in Trentino sono costantemente monitorati. La PAT si è dotata già dal 2002 di un sistema informatizzato denominato BMS "Bridge Management System"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato