Contenuto sponsorizzato

M49, la Provincia interviene: ''Nessuno l'ha visto vicino alla roulotte. Gli spari dei forestali fatti in aria. Distrutto un sacco di rifiuti''

Nel comunicato ufficiale la Pat smentisce ipotetiche aggressioni alla roulotte e spiega che i forestali hanno sparato ma in alto perché nessuno ha visto il plantigrado questa notte eppure il rettore della riserva di caccia, che ha portato sul posto proprio i forestali questa notte ed è stato chiamato dai pastori impauriti, conferma la sua versione

Di Luca Pianesi - 19 agosto 2019 - 14:00

PASSO LAVAZE'. E' arrivata la comunicazione ufficiale della Provincia che smentisce l'attacco a una roulotte da parte di M49-Papillon e smentisce anche che l'orso sarebbe stato visto e che i forestali avrebbero lasciato una esca laddove si trovavano le arnie distrutte ieri. Eppure a noi il rettore della riserva di caccia della zona Alex Polesana, che questa notte ha portato i forestali sul posto dopo che i pastori lo hanno chiamato allarmati perché i cani erano agitatissimi e la roulotte si era mossa, conferma per filo e per segno quanto abbiamo riportato (QUI ARTICOLO).

 

D'altronde il comunicato della Pat rimane piuttosto criptico. ''L’animale - scrivono - si è aggirato nei pressi della roulotte (questa è un’ipotesi, dato che nessuno lo ha visto) e ha rovistato in un sacco di rifiuti, rompendolo. Questo è quanto è stato accertato dal personale del Corpo forestale del Trentino che ha seguito la situazione sul posto per tutta la notte e ha raccolto personalmente la testimonianza dei due pastori che occupavano la roulotte''. 

 

''Nessuno ha peraltro sparato in direzione dell'orso (appunto mai avvistato) - prosegue la Pat - contrariamente a quanto riportato: i forestali hanno esploso in aria due colpi, dato che si riteneva che il plantigrado potesse trovarsi vicino, visto il nervosismo dei cani dei pastori. Quindi la situazione è tornata alla normalità''.

 

''Per quanto riguarda il danno all'apiario - prosegue la Pat - che effettivamente è stato compiuto, si sottolinea che i forestali non hanno lasciato alcuna esca: il proprietario ha recuperato gli alveari non danneggiati lasciando sul posto quelli danneggiati ed i telaini. Questa mattina, infine, è stata rilevata la predazione su di un vitello ancora in zona passo del Lavazè, però in provincia di Bolzano; gli accertamenti hanno confermato la responsabilità dell'orso M49''.

 

Insomma M49 non avrebbe scosso la roulotte eppure avrebbe distrutto i sacchi della spazzatura che si trovavano nei pressi della struttura e non sarebbe stato avvistato nella notte anche se il rettore ci conferma di averlo visto con presenti i forestali (portati da lui sul posto). Il mistero si infittisce. L'unica certezza, per la Pat, è che è avvenuta una predazione di un vitello nella provincia di Bolzano sempre nella stessa zona di Passo Lavazè e che è stato certamente M49. Insomma l'unico fatto certamente confermato sarebbe avvenuto fuori dalla loro giurisdizione.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

18 settembre - 18:34

Preoccupatissima la categoria per le conseguenze devastanti che si annunciano per il sistema agricolo provinciale. Tra le richieste che si valuti la possibilità di riconoscere sgravi contributivi e indennizzi alle aziende frutticole che hanno subito danni rilevanti tali da compromettere redditività e sopravvivenza, nonché si attino specifici contributi, come quelli già previsti per l’acquisto di reti anti insetto

18 settembre - 17:21

Mal sopportato da tempo l'ex sindaco di Firenze ha messo in sicurezza il partito (portandolo di nuovo al governo), ha atteso si formasse il governo (per non ridurre tutto a una questione ministeri e segretariati) e ha fatto quello che praticamente tutti, prima di lui, hanno fatto nel Pd: lasciarlo. La senatrice trentina: ''E una casa autenticamente europeista, popolare e liberale''

18 settembre - 17:17

L'incidente è avvenuto intorno alle 15.30 lungo la strada statale 240 all'altezza di un incrocio poco prima dell'abitato di Bezzecca. Il ferito elitrasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato