Contenuto sponsorizzato

Mette su internet annunci falsi di auto in vendita, incassa le caparre e poi scompare. Nei guai un 50enne trentino

Ci sono casi in diverse zone d'Italia. Le indagini stanno proseguendo, l'uomo si è difeso dicendo che la postepay usata per incassare i soldi gli era stata rubata 

Pubblicato il - 21 maggio 2019 - 09:16

TRENTO. Metteva annunci falsi di auto su internet e appena qualcuno abboccava e versava la caparra, lui  faceva perdere le proprie tracce. A finire nei guai per truffa è un cinquantenne trentino e i casi che lo riguardano sono avvenuti in tutta Italia.

 

Le indagini stanno proseguendo. L'uomo metteva in vendita su diversi siti online delle auto a prezzi stracciati. Quando veniva contattato da qualcuno avviava una contrattazione nella quale stabiliva una caparra che l'ignaro acquirente doveva versare. Quando questo avveniva, però, il 50enne scompariva e non si faceva più trovare.

 

Le indagini hanno scoperto che i soldi delle caparre finivano in una postepay che tramite approfondimenti è risultata essere  intestata proprio al cinquantenne. Quest'ultimo, però, difronte all'accusa, si è difeso dicendo che la postepay gli era stata rubata e non sarebbe quindi autore di alcuna truffa.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato