Contenuto sponsorizzato

Muri imbrattati, recinzioni divelte e macchinette delle fototessere danneggiate, nella notte atti vandalici a Povo e Mori

Ieri era stata imbrattata un'auto a Mezzolombardo ma gli atti vandalici sono continuati anche nella notte scorsa. Sono stati effettuati dei sopralluoghi da parte delle forze dell'ordine 

Pubblicato il - 13 aprile 2019 - 19:33

TRENTO. E' stata una notte di atti vandalici quella appena trascorsa in diverse zone della città. Ieri avevamo raccontato quello che era successo all'auto del coordinatore dei giovani della Lega del Trentino Marco Leonardelli, imbrattata con della vernice spray rossa tra giovedì e venerdì. (QUI L'ARTICOLO)

 

La notte scorsa, altri atti vandalici sono avvenuti invece a Povo e Mori. Nel primo caso, proprio accanto alla scuola Moggioli in via dei Rivi, vicino all'ex centro civico, è stata forzata e danneggiata una macchinetta per le fototessere. A poca distanza da questo primo vandalismo, è stata divelta una recinzione.

I residenti hanno avvisato la polizia locale che ha provveduto immediatamente ad effettuare un sopralluogo.

 

Altri danni si sono avuti a Mori. Questa volta sono stati presi di mira i muri di alcune abitazioni che nel corso della notte sono stati imbrattati con vernice nera. Secondo quanto riferito da alcuni cittadini, a compiere il vandalismo sarebbero stati tre ragazzi con il volto coperto da un cappuccio nero.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

25 aprile - 16:14

Un'auto nell'affrontare una curva prima dell'abitato di Nogarè ha stretto troppo la traiettoria per uscire di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato