Contenuto sponsorizzato

''Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia" (Una bella donna ha il sedere e il petto non al riparo) le bustine in val di Fassa indignano e diventano virali sui social

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

Di L.A. - 16 ottobre 2019 - 17:00

TRENTO. "Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia" che si traduce come "Una bella donna ha il sedere e il petto al riparo" (così riportano i produttori - sotto l'elenco completo), cioè  "Una bella donna ha sempre belle forme". Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Bustine, e anche detti, che ciclicamente, ritornano in mano a turisti e trentini, e riprendono così a far discutere per diventare virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale.

Se si guarda il sito dell'azienda alimentare, risulta una campagna ideata e lanciata negli anni scorsi, ma nemmeno troppo tempo fa. E' il 2016 e la realtà fassana spiega: "Da noi trovate le bustine di zucchero personalizzate con le frasi più celebri in ladino".

Si va da "La fregoles les vegn dal toch" ("Le briciole sono parte del pezzo") a "Canche l cef no deida, l'è l cul che pèra inant" ("Quando non ragioni con la testa, ragioni con il sedere"), da "La goces de jenè, de mè se scoarà i tobiè" ("Se piove a gennaio, a maggio si spezzano i fienili") a "La neif no i l'à mai magnèda i ucìe" ("Gli uccelli non hanno mai mangiato la neve"). Sarebbero in totale dodici i detti individuati dall'azienda alimentare, un modo per ricordare le tradizioni locali

Ma a far storcere la bocca c'è, appunto, il discutissimo "Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia". E sono diverse le persone che hanno interessato l'Azienda per il turismo val di Fassa, che difende le tradizioni e mette in luce che, sì, i tempi sono cambiati, ma quei detti sono espressione di una lingua e di una cultura che va salvaguardata. 

 

"Che i tempi siano molto cambiati e non rispecchino i detti di una volta, siamo tutti d'accordo. Ma questo - spiega l'Azienda per il turismo - non significa che la val di Fassa - dove le donne sono da sempre protagoniste della società, dello sviluppo turistico e impiantistico, degli sport di montagna e impegnate in politica con ruoli di spicco - debba dimenticare tradizioni e detti popolari che sono espressione di una lingua e di una cultura (millenaria) di minoranza, vissuta e tutelata".

 

Poi, però, si rimanda alla realtà produttrice la responsabilità della bustina infelice. "Per precisione - conclude l'Apt - le bustine di zucchero sono realizzate da un'azienda del settore alimentare, pertanto la scelta dei proverbi non è di nostra facoltà. Riferiremo la segnalazione sul detto in questione all'azienda".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.53 del 30 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 11:47

Mentre in questi giorni si è assistito a qualcosa di farsesco con i gilet arancioni scesi in piazza per dire che il coronavirus non esiste, che vogliono la lira e dicono no al 5G, con le proteste, separate dai primi, di Casa Pound e altri gruppi di estrema destra, domani si annunciano altre manifestazioni (con Lega e Fratelli d'Italia). Salvini oggi polemizza perché non gli viene concesso di deporre una corona all'Altare della Patria ma l'anno scorso, quando poteva farlo perché era istituzione, non aveva partecipato

01 giugno - 06:01

Il lockdown non ha fermato i giovani e il loro impegno per il futuro: i pensieri dei ragazzi e il loro lavoro con gli insegnanti è continuato e c’è stata la possibilità di portare a conclusione progetti cominciati prima della chiusura delle scuole. Ecco la lettera con le proposte della seconda media. La prof: ''Aspetteremo la risposta, poiché speriamo di venire presi in considerazione e, quando la riceveremo la condivideremo anche con i vostri lettori''

01 giugno - 10:21

Questo pomeriggio è previsto un incontro in videoconferenza tra associazioni e istituzioni per cercare di mettere in campo delle soluzioni. Intanto, però, già ieri in tanti sono finiti in strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato