Contenuto sponsorizzato

''Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia" (Una bella donna ha il sedere e il petto non al riparo) le bustine in val di Fassa indignano e diventano virali sui social

Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Detti che però ritornano a far discutere e diventano virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale

Di L.A. - 16 ottobre 2019 - 17:00

TRENTO. "Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia" che si traduce come "Una bella donna ha il sedere e il petto al riparo" (così riportano i produttori - sotto l'elenco completo), cioè  "Una bella donna ha sempre belle forme". Un detto ladino che compare sulle bustine dello zucchero in val di Fassa e sul quale si trova anche il marchio della locale Azienda per il turismo. Bustine, e anche detti, che ciclicamente, ritornano in mano a turisti e trentini, e riprendono così a far discutere per diventare virali sui social per l'indignazione di diverse persone in modo trasversale.

Se si guarda il sito dell'azienda alimentare, risulta una campagna ideata e lanciata negli anni scorsi, ma nemmeno troppo tempo fa. E' il 2016 e la realtà fassana spiega: "Da noi trovate le bustine di zucchero personalizzate con le frasi più celebri in ladino".

Si va da "La fregoles les vegn dal toch" ("Le briciole sono parte del pezzo") a "Canche l cef no deida, l'è l cul che pèra inant" ("Quando non ragioni con la testa, ragioni con il sedere"), da "La goces de jenè, de mè se scoarà i tobiè" ("Se piove a gennaio, a maggio si spezzano i fienili") a "La neif no i l'à mai magnèda i ucìe" ("Gli uccelli non hanno mai mangiato la neve"). Sarebbero in totale dodici i detti individuati dall'azienda alimentare, un modo per ricordare le tradizioni locali

Ma a far storcere la bocca c'è, appunto, il discutissimo "Na bela femena l'à l cul e l piet sot la pievia". E sono diverse le persone che hanno interessato l'Azienda per il turismo val di Fassa, che difende le tradizioni e mette in luce che, sì, i tempi sono cambiati, ma quei detti sono espressione di una lingua e di una cultura che va salvaguardata. 

 

"Che i tempi siano molto cambiati e non rispecchino i detti di una volta, siamo tutti d'accordo. Ma questo - spiega l'Azienda per il turismo - non significa che la val di Fassa - dove le donne sono da sempre protagoniste della società, dello sviluppo turistico e impiantistico, degli sport di montagna e impegnate in politica con ruoli di spicco - debba dimenticare tradizioni e detti popolari che sono espressione di una lingua e di una cultura (millenaria) di minoranza, vissuta e tutelata".

 

Poi, però, si rimanda alla realtà produttrice la responsabilità della bustina infelice. "Per precisione - conclude l'Apt - le bustine di zucchero sono realizzate da un'azienda del settore alimentare, pertanto la scelta dei proverbi non è di nostra facoltà. Riferiremo la segnalazione sul detto in questione all'azienda".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 11 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

11 novembre - 19:43

La miccia si accende per il post su Facebook di un allevatore del perginese. Da lì le risposte piccate dei sindaci di Frassilongo e Pergine con quest'ultimo che rimuove tutto. A far da paciere il primo cittadino di Palù, che però si toglie qualche sassolino

11 novembre - 19:37

Il partito secessionista ha celebrato l'anniversario dell'arrivo delle truppe italiane al Brennero apponendo sul cippo di confine un sacco con una scritta rivendicativa. "Il Brennero è e resterà un confine ingiusto che ha diviso il Tirolo, incatenando i sudtirolesi a uno stato straniero, al quale non volevano appartenere". Non è la prima volta che il confine italo-austriaco finisce al centro delle iniziative della Südtiroler Freiheit

11 novembre - 13:46

Il blocco di una corsa avvenuto settimana scorsa nei pressi di Mezzana aveva spinto la consigliera Lucia Coppola a depositare un'interrogazione per comprendere le motivazioni e gli eventuali problemi di manutenzione. Questioni che da Trentino Trasporti vengono considerate però imprevedibili e dovute a condizioni meteorologiche eccezionali 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato