Contenuto sponsorizzato

Prende fuoco un'autocisterna, paura e traffico bloccato in A22

E' successo questa mattina attorno alle 8. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco permanenti di Trento e i volontari di Ravina. Per consentire l'intervento è stata chiusa la carreggiata verso nord con forti ripercussioni sul traffico 

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 08 agosto 2019 - 08:51

TRENTO. Paura questa mattina in A22 per un'autocisterna che è andata a fuoco e che ha provocato il blocco del traffico.

 

E' successo subito dopo l'uscita di Trento Sud. Il mezzo pesante stava andando verso nord quando ad un certo punto, forse a causa di alcuni problemi ai freni, si è sprigionato un rogo.

 

Immediatamente è stato dato l'allarme e sul posto si sono portati i mezzi dei vigili del fuoco permanenti di Trento e il corpo di Ravina che sono riusciti a spegnere le fiamme in poco tempo evitando percoli anche per altri automobilisti.

 

Nel corso dell'intervento la corsia nord dell'A22 è stata chiusa per consentire lo spegnimento dell'incendio. Questo ha provocato problemi e traffico con rallentamenti e code. Problemi che si sono poi riversati anche sulla viabilità interna.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 settembre - 11:49

Ieri altri due istituti superiori con positivi e anche un bimbo di un asilo. I contagi nelle ultime 24 ore sono 25 e quasi 1600 le persone che in Alto Adige si trovano in isolamento domiciliare 

28 settembre - 15:55

Da questa mattina migliaia di utenti non possono né telefonare né connettersi a internet, PosteMobile: “Ci scusiamo, stiamo lavorando per ripristinare il servizio nel più breve tempo possibile”

27 settembre - 21:28

Il lupo, probabilmente cresciuto in cattività e poi liberato, era stato catturato perché troppo confidente con l’uomo. Ora è stato trasferito nel Centro tutela e ricerca del Monte Adone: uno spazio isolato e immerso nel verde, lontano dal pubblico dove può vivere a contato con i propri simili

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato