Contenuto sponsorizzato

Prese a pugni un negoziante di Trento, 25enne condannato a 1 anno e 4 mesi

Il giovane aveva aggredito a maggio l'uomo indispettito per essere stato invitato ad allontanarsi dalla zona perché visto in diverse occasioni in attività illecite

Pubblicato il - 11 dicembre 2019 - 09:24

TRENTO. Un anno e quattro mesi, questa la pena che dovrà scontare un ragazzo di 25 anni, di origine tunisina, arrestato a maggio perchè aveva aggredito un commerciante di vicolo al Nuoto, laterale di via Travai, indispettito per essere stato invitato ad allontanarsi dalla zona perché visto in diverse occasioni in attività illecite. (QUI L'ARTICOLO)

 

Il giovane, in quella occasione, dove aver minacciato il commerciante, lo aveva colpito più volte provocandogli diverse lesioni. A seguito dell'aggressione, la Squadra mobile, dopo aver, tramite i sistemi di videosorveglianza, identificato il tunisino, aveva raccolto tutti gli elementi, tra cui anche alcune minacce precedenti all’aggressione, formando un quadro indiziario per il reato di atti persecutori.

 

Tre gli episodi contestati in procura di lesioni e stalking. Il 25enne è in carcere da fine maggio. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato