Contenuto sponsorizzato

''Mi ha aggredito in via Travai. Gli ho detto di non spacciare e mi ha dato un pugno in faccia''

A parlare, dal pronto soccorso, è un esercente della zona. Secondo il suo racconto, tutto sarebbe successo mentre caricava dei pacchi su un corriere

Pubblicato il - 09 maggio 2019 - 19:08

TRENTO. "Sono qui in pronto soccorso per quello che mi è successo questo pomeriggio, ho preso un pugno in faccia". A parlare è il titolare di un'attività vicino a via Travai, che racconta di essere stato vittima di un'aggressione proprio vicino al suo posto di lavoro.

 

"Ero lì fuori, stavo caricando dei pacchi con un corriere, il conducente è testimone di quello che è successo - fa sapere l'esercente - Nella zona del Punto d'Incontro c'è un giro di droga. Un uomo che conosco, uscito di lì, è passato e io gli ho detto: "Questo non è un luogo per lo spaccio"".

 

Quindi, secondo il racconto dell'esercente, sarebbe seguita una reazione violenta: "Lui mi conosce. È andato avanti qualche metro, poi è tornato indietro e mi ha dato un pugno in faccia all'improvviso. Io sono caduto a terra, c'era sangue dappertutto. Ho sbattuto lo zigomo e la testa, che è quella che mi preoccupa di più. Adesso sono in pronto soccorso per degli accertamenti".

 

L'esercente si dice arrabbiato: "Io faccio denuncia. Questa situazione deve finire". In vicolo del Nuoto restano diverse gocce di sangue e alcune macchie anche sulle vetrate di un negozio. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 03 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 dicembre - 11:18

Calano i ricoveri nei normali reparti dell'ospedale e in terapia intensiva. Il rapporto contagi/tamponi si attesta intorno al 10%. Sono stati trovati 90 positivi con il test antigenico

04 dicembre - 11:39

L’autista del camion-cisterna è stato denunciato per contrabbando a bordo aveva un carico da 26mila tonnellate di olio lubrificante che stava per entrare in Italia illegalmente, per un’evasione imposta specifica di 20mila euro

04 dicembre - 08:50

In questi mesi di emergenza sono già state diverse le situazioni che presentano similitudini nel modo di agire della Giunta provinciale. Si guarda il momento senza un'idea di pianificazione futura di quanto fare oggi per ripartire di slancio domani

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato