Contenuto sponsorizzato

Rimesso in ''mostra'' il presepe antiabortista: ''Contro chi convince che è giusto abortire''. Il comitato Non una di meno: ''Deliranti''

Sulla scalinata delle chiesa di San Rocco in corso Bettini. Ora è stato messo anche un foglietto con attaccato un feto di plastica e la scritta: ''Riproduzione in plastica di un bambino di 10 settimane"

Pubblicato il - 05 gennaio 2019 - 12:17

ROVERETO. Il presepe antiabortista è stato nuovamente ricostruito e addirittura ampliato con tanto di spiegazioni. A denunciarlo, questa volta, con tanto di foto, è stato il comitato “Non una di meno” di Trento.

La rappresentazione era comparsa nei giorni scorsi sulla scalinata delle chiesa di San Rocco in corso Bettini in passato utilizzata per alcuni ritrovi da parte delle “Sentinelle in piedi”. Nella giornata di giovedì, dopo le polemiche, era stato tolto e le statue, assieme ai feti in plastica, riposte all'interno della chiesa.

Ora, invece, come denuncia il comitato “Non una di meno” il presepe antiabortista non solo è stato ripristinato ma anche arricchito con spiegazioni. “Questo presepe – viene riportato in un cartello – non è una accusa contro le donne che hanno abortito, ma contro coloro che le hanno convinto che è giusto abortire e che hanno fatto dell'uccisione dei bambini un diritto civile e una bandiera del progresso”.

 

Sempre nel cartello viene spiegato che il presepe parla di un'accusa contro “chi ha convinto gli italiani che è giusto uccidere i figli, rifiutare il concepimento, annientare il matrimonio, produrre uomini in provetta, negare la vocazione dell'uomo e della donna ad essere padri e madri e sposi e spose, collaboratori di Dio e del suo disegno”

Accanto al presepe è stato poi posizionato anche un foglio con appeso sopra un piccolo feto in plastica con la scritta: “riproduzione in plastica di un bambino di 10 settimane”.

 

Già nella giornata di ieri il decano di Rovereto, don Sergio Nicolli aveva parlato di “ribrezzo” verso questo presepe.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 agosto - 12:12
Le tracce del plantigrado sono state trovate nelle vicinanze di malga Ora a quota 1.875 metri tra il passo Lavazè in val di Fiemme e Nova Ponente sul versante altoatesino. Le orme sono state rilevate dopo che altre tracce erano state lasciate dal plantigrado nel territorio del comune di Giovo sul versante di Faedo. La Provincia conferma
17 agosto - 18:39

E' successo questo pomeriggio. A perdere la vita è un uomo di 54 anni che stava percorrendo la strada dal Tonale verso Vermiglio. Sul posto vigili del fuoco, soccorsi sanitari, elicottero e carabinieri 

17 agosto - 15:14

Nell’ambito della specifica attività, oltre ad essere stati controllati un importante numero di persone e mezzi, sono stati tratte in arresto due persone e altre tre segnalate per reati a vario titolo

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato