Contenuto sponsorizzato

Rompono la vetrina degli estintori e svuotano il contenuto nella piazzola dei camper: denunciati in due

I carabinieri sono risaliti alla targa di un'automobile, poi l'identificazione. Nella bravata potrebbe essere stata coinvolta una terza persona

Pubblicato il - 06 maggio 2019 - 09:04

SAN MARTINO DI CASTROZZA. Hanno rotto la vetrina degli estintori nell'area camper e hanno li hanno svuotati sul piazzale. In relazione alla vicenda sono denunciati due giovani del posto.

 

I fatti risalgono allo scorso 7 aprile e sono avvenuti più precisamente nell'area di sosta camper "Tognola" di San Martino di Castrozza. A essere presa di mira la vetrinetta che contiene due estintori, posti sul posto per sicurezza. Infranto il vetro, il contenuto dei due estintori era stato sparso sul piazzale. Dal posto i responsabili si sarebbero allontanati in macchina portando con sé i due estintori.

 

I carabinieri, saputo quel che era successo, si sono subito messi al lavoro per ricostruire l'accaduto. Alcune testimonianze e controlli e i militari di Primiero San Martino di Castrozza sono riusciti a risalire alla targa di un'automobile. Quindi a due giovani del posto. Nei loro confronti è scattata una denuncia per rimozione di cautele contro gli infortuni sul lavoro, furto e danneggiamento.

 

Non sarebbe da escludere la presenza di una terza persona.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 20:20

Sono 476 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 50 in alta intensità. Sono stati trovati 93 positivi a fronte dell'analisi di 1.484 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,3%

23 novembre - 19:10

Ecco come cambiano le regole di comportamento se in casa qualcuno avverte dei sintomi legati al coronavirus. La “regola dei 21 giorni” di isolamento e le altre istruzioni, l’Apss: “Le persone asintomatiche dei servizi essenziali continueranno a lavorare con la mascherina, poi in quinta giornata faranno un tampone”

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato