Contenuto sponsorizzato

Ruba casse e fusti di birra e per ''riparare'' decide di aiutare gli anziani di una casa di riposo

L'uomo, attraverso il suo avvocato, ha chiesto la messa alla prova in una casa di riposo. L'esito positivo ha consentito l'estinzione del reato 

Pubblicato il - 19 maggio 2019 - 08:24

TRENTO. Aveva rubato alcune casse di birra e dei fusti dalla fabbrica del noto birrificio Bionoc. (QUI L'ARTICOLO)

 

Successivamente, dopo essere stato individuato come autore del furto, ha deciso di chiedere la messa alla prova in una casa di riposo ed oggi il suo reato è stato dichiarato estinto grazie al volontariato. 

 

La vicenda è iniziata nel 2017. I titolari del birrificio, una mattina, si sono accorti di una finestra forzata e della mancanza di oltre un centinaio di bottiglie e di alcuni fusti di birra per un valore che superava i 500 euro

 

Fatta la denuncia, i carabinieri hanno iniziato immediatamente le indagini e grazie alle telecamere sono riusci in poco tempo ad individuare il responsabile. La successiva perquisizione di  casa ha confermato che era stato lui a rubare la birra. 

 

Al giudice, attraverso il suo avvocato, chiese e ottenne la messa alla prova che svolse in una casa di riposo tenendo compagnia a degli anziani.  Terminato oggi questo periodo con una valutazione positiva è stata chiesta e ottenuta l'estinzione del reato.  

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 11:36

Iniziata nel marzo 2016, l'operazione Carthago ha portato a sgominare una rete ramificata in Marocco, Olanda, Spagna, Svizzera e Italia. Due i nuclei criminali composti da nordafricani e italiani legati ai clan di Torre Annunziata e alla mafia foggiana, che controllavano anche il mercato trentino. 73 gli indagati totali, 19 gli arrestati e sequestrati stupefacenti per un valore di 70 milioni di euro

19 settembre - 06:01

Dopo i fatti di luglio e agosto, con il ritrovamento di 47 e 180 capi morti, la Procura di Trento si prepara ad aprire un processo per indagare su diversi possibili illeciti. La determinazione della causa di morte, riportata dal referto dell'Istituto zooprofilattico, rischia di aprire un "vaso di Pandora" sul sistema dei titoli per ettaro erogati dall'Unione Europea

18 settembre - 18:45

In questi anni gli avvistamenti di questa specie si sono fatti sempre più rari e dal 2006 il Carpione del Garda è entrato a far parte della lista delle specie fortemente a rischio estinzione. Fra le cause di questa dipartita ci sono sia fattori umani che ambientali

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato