Contenuto sponsorizzato

Rubava i fiori al cimitero, donna incastrata dalle fototrappole

Al Comune arrivate diverse lamentele dei cittadini, infastiditi dai continui furti. Il sindaco ha informato gli agenti e sono partiti gli accertamenti

Pubblicato il - 11 giugno 2019 - 16:18

PORTE DI RENDENA. Avrebbe compiuto una serie di furti di fiori dalle tombe del cimitero. Una donna è stata denunciata per furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede e vilipendio di tombe.

 

L'episodio è avvenuto a Javrè, una frazione di Porte di Rendena: da qualche settimana erano arrivate delle segnalazioni in Comune che parlavano di un reiterato furto di fiori alle lapidi del cimitero.

 

Dopo l'interessamento del sindaco di Porte di Rendena Enrico Pellegrini e la sua comunicazione ai vigili, sono quindi scattati indagini e accertamenti della polizia locale delle Giudicarie al cimitero di Javrè. Per i controlli gli agenti si sono aiutati posizionando delle fototrappole nella notte

 

Domenica pomeriggio, dopo l'ennesimo furto, la svolta: la polizia locale sarebbe riuscita a identificare una donna residente in paese. Che è finita nei guai: è stata denunciata alla procura della Repubblica per furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede e vilipendio di tombe.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 giugno 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 giugno - 14:04

Il mezzo era su Dro per intervenire per un malore venuto ad un escursionista sulla ferrata Che Guevara. Sul posto è stato subito mandato un altro mezzo mentre il Dauphin è atterrato in emergenza a Gaggiolo

20 giugno - 14:22

Il grande chef trentino si dedicherà a un altro progetto e così dal 17 luglio a guidare il ristorante della famiglia Lunelli ci sarà il ''miglior chef emergente d'Italia 2017''

20 giugno - 12:06

L'allarme è scattato intorno all'1 della notte tra mercoledì 19 e giovedì 20 giugno, quando i famigliari hanno allertato i soccorsi per il mancato rientro a casa della persona. Oltre 70 unità in azione, compreso le unità cinofile e elicottero

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato