Contenuto sponsorizzato

Rubava i fiori al cimitero, donna incastrata dalle fototrappole

Al Comune arrivate diverse lamentele dei cittadini, infastiditi dai continui furti. Il sindaco ha informato gli agenti e sono partiti gli accertamenti

Pubblicato il - 11 giugno 2019 - 16:18

PORTE DI RENDENA. Avrebbe compiuto una serie di furti di fiori dalle tombe del cimitero. Una donna è stata denunciata per furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede e vilipendio di tombe.

 

L'episodio è avvenuto a Javrè, una frazione di Porte di Rendena: da qualche settimana erano arrivate delle segnalazioni in Comune che parlavano di un reiterato furto di fiori alle lapidi del cimitero.

 

Dopo l'interessamento del sindaco di Porte di Rendena Enrico Pellegrini e la sua comunicazione ai vigili, sono quindi scattati indagini e accertamenti della polizia locale delle Giudicarie al cimitero di Javrè. Per i controlli gli agenti si sono aiutati posizionando delle fototrappole nella notte

 

Domenica pomeriggio, dopo l'ennesimo furto, la svolta: la polizia locale sarebbe riuscita a identificare una donna residente in paese. Che è finita nei guai: è stata denunciata alla procura della Repubblica per furto aggravato su cose esposte alla pubblica fede e vilipendio di tombe.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 agosto - 19:31

Ancora una volta vengono lanciati dati diversi rispetto alla realtà. Se si uniscono i numeri fin qui raggiunti al punto nascite nel mese di agosto, i parti sono stati 14, in linea rispetto al trend che si è delineato da quando ha riaperto. Futura: "I numeri dovrebbero chiamare a una riflessione, senza pregiudizi ideologici. Due sono i fattori cruciali: la salute e la sicurezza di partorienti e nascituri e la professionalità del personale sanitario"

23 agosto - 18:04

L'aggressione è avvenuta 4 di agosto. Il prorettore è stato vittima di una aggressione al termine della prima giornata di un congresso a Durban. E' stato portato al pronto soccorso e a distanza di circa due settimane è riuscito a ristabilirsi quasi completamente

23 agosto - 19:15

Ad accorgersi è stata la segretaria del Partito che ha deciso di postare su Facebook un messaggio per l'autore del furto. "Potranno portare via una targa, ma non riusciranno a cancellare i valori, la passione e l'impegno per la democrazia delle donne e degli uomini del Pd del Trentino"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato