Contenuto sponsorizzato

Smottamento a Levico, fango e sassi contro una casa

E' successo in località Valdrana. Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Levico. Questa mattina è stato effettuato un sopralluogo e si è concluso la messa in sicurezza dell'area

Pubblicato il - 13 aprile 2019 - 14:28

LEVICO TERME. Paura in tarda serata di ieri a Levico, in località Valdrana dove uno smottamento di sassi e fango è finito addosso ad una abitazione per poi finire nel seminterrato.

 

L'allarme è stato lanciato attorno alle 21.30. Probabilmente, secondo i primi rilievi, lo smottamento sarebbe stato causato dalle piogge che si sono abbattute sul territorio negli ultimi giorni. L'acqua avrebbe innescato il movimento franoso.

Il fango e i sassi sono finiti contro una casa danneggiandola. Fortunatamente al suo interno non erano presenti persone e non è stato necessario quindi fare alcuna evacuazione.

 

Sul posto si sono portati i vigili del fuoco di Levico con una squadra e i tecnici della provincia. L'intervento di messa in sicurezza dell'area è terminato questa mattina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 aprile 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 aprile - 19:42

Se le opposizioni politiche sono subito intervenute per manifestare un grande sconcerto per il taglio da 5 milioni di euro, le associazioni sono uscite frastornate nel leggere il provvedimento. "Non vogliamo fare polemica - dice Anzi - ma la richiesta è quella di confrontarsi con l'assessore e il servizio perché la delibera lascia ancora molti aspetti da chiarire

25 aprile - 13:32

Oggi è il 25 aprile e Salvini si è dimostrato ancora una volta ambiguo rispetto a questa ricorrenza dando, in questo modo un segnale al suo popolo e alla sua classe dirigente che continua a ritenerlo infallibile nonostante le continue retromarce (dal numero di immigrati clandestini all'aumento delle accise). Addirittura consigliere provinciali si fanno le foto con a fianco la sua immagine come fosse una guida spirituale

25 aprile - 16:38

Non va più bene nemmeno che le oche facciano i loro bisogni nel loro habitat naturale, su dei prati in riva al lago: Oss Emer ha già emesso un'ordinanza per farle rimuovere e portare in una fattoria vicina. Wwf, Lipu, Pan - Eppaa e Legambiente: ''Pronte a ricorrere in sede giuridica. Quelle oche selvatiche sono nate in natura e si recano su quei prati essenzialmente in inverno quindi non creano problemi al turismo'' 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato