Contenuto sponsorizzato

Strade chiuse per la neve in tutta la provincia. La Provincia pubblica il bollettino sulla situazione delle strade

I disagi provocati dalle precipitazioni nevose di questa notte sono diffusi su tutto il territorio provinciale. La possibile caduta di alberi e il pericolo valanghe ha portato alla chiusura di alcuni passi e tratti di strade provinciali. In Tonale la neve caduta ha raggiunto i 70 centimetri. Abbondanti fiocchi sono scesi in tutte le vallate del Trentino

Pubblicato il - 13 novembre 2019 - 12:49

TRENTO. La Provincia di Trento ha emesso un bollettino delle strade a seguito delle precipitazioni nevose che ieri notte, al di sopra dei 600-700 metri, hanno interessato l'intero territorio provinciale. Il comunicato punta a dare conto dell'attuale situazione della viabilità in provincia, in virtù anche dall'esaurimento in corso delle nevicate sia nel Trentino occidentale che nelle vallate orientali.

 

Al momento alcune strade, infatti, sono chiuse per neve, per pericolo valanghe o per alberi instabili prospicienti alle carreggiate. È il caso della Strada provinciale 224 del Passo del Redebus, la provinciale 25 di Garniga, la provinciale 64 di Fai della Paganella da località Santel ad Andalo, la provinciale 3 del Monte Baldo da località San Valentino al confine con la provincia di Verona, la provinciale 138 del Passo della Borcola dal chilometro 5 a monte di località Incapo, la provinciale 141 di Bolentina, la provinciale 31 del Passo Manghen e la provinciale 102 delle piramidi.

 

Sono inoltre chiuse nei tratti esterni alla provincia di Trento le strade dei passi Pordoi (in provincia di Belluno), Sella (in provincia di Bolzano) e Fedaia (tra il confine di provincia e la località Diga).

 

Di seguito vengono riportate valle per valle i disagi alla circolazione e le informazioni utili per mettersi alla guida.

 

Strade sett. 1 – ALTA VALSUGANA

Anche in questa zona le nevicate sono state oltre i 700 m, raggiungendo in quota 30-40 cm. E’ chiusa la SP 224 del Passo Redebus nel comune di Bedollo, per pericolo caduta piante.

 

Strade sett. 4 – TRENTO - MONTE BONDONE - PAGANELLA

La neve è caduta a monte di loc. Candriai. In loc Viote si registrano circa 50 cm di neve. Sono chiuse, per pericolo caduta piante: la SP 25 di Garniga da Garniga Vecchia a loc. Viote; la SP 64 di Fai da loc. Santel ad Andalo.

 

Strade sett. 8 - VALLAGARINA E ALTOPIANO DI FOLGARIA

La neve è caduta a partire da 700 m e nelle località in quota lo spessore è circa 30-40 cm. E’ stata disposta la chiusura stagionale delle seguenti strade: Sp 3 del Monte Baldo da loc. san Valentino al confine con la provincia di Verona; Sp 138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di loc. Incapo.

 

Strade sett. 5 – VAL DI NON E SOLE

La nevicata ha interessato l’intera val di Sole, la media e l’alta Val di Non (a quote superiori a 500-600 metri). Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson in comune di Dimaro Folgarida lungo la S.S. 42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiate con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate). Da ieri è in vigore il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della S.S. 42 tra Fucine e P. Tonale. Al momento è chiusa, per consentire la messa in sicurezza dal pericolo di caduta piante, la S.P. 141 di Bolentina. Nelle zone boscate a quota tra 900 e 1200 m, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza gli alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale, carichi di neve. Da ieri sera sono caduti circa 70 cm a Passo Tonale; 50 cm a Passo Campo Carlo Magno, 40 cm a Passo Mendola, 20-30 cm a quota 1000 m.

 

Strade sett. 6 – VALLI GIUDICARIE – VAL RENDENA

La nevicata ha interessato gran parte della val Rendena e le valli Giudicarie a quote superiori ai 600 -700 metri. Non si registrano problemi alla viabilità. Da ieri sera sono caduti circa 50 cm a M. di Campiglio. Al momento sono ancora in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 1000 metri e, nella zona di M. di Campiglio anche le frese per completare l’allargamento della carreggiata.

 

Strade sett. 7 – ZONA ALTO GARDA, VAL DI LEDRO E VAL DI GRESTA

La nevicata ha interessato la valle dei Laghi, la val di Ledro, la val di Gresta e la valle di Cavedine a quote superiori a 700-800 metri. Nelle prime ore del mattino si è registrata la temporanea chiusura della S.P. 85 del Bondone a monte di Lagolo, per la caduta di rami o alberi piegati dal peso della neve. Si misurano fino a 60 cm di neve fresca in loc. Viote del Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara. Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del settore.

 

Strade sett. 2 – BASSA VALSUGANA E PRIMIERO

Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Passo Rolle 40 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve. Si rammenta la chiusura stagionale della S.P.31 del Passo Manghen da località Baessa (km 15+500) a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme (km 38+520).

 

Strade sett. 3 – VALLI DI FIEMME E FASSA

Neve sui passi circa 60 cm, nelle valli ai 25-30 cm. Chiuso il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino. Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga (km 11+500) per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei. Chiusa la SP 102 delle piramidi per pericolo caduta massi. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 dicembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

09 dicembre - 12:52

L'usanza di rincorrersi tra "demoni" e "provocatori" è radicata nella tradizione. I Krampus accompagnano San Nicolò, lo scortano mentre dona dolci ai bambini buoni e si scatenano quando il santo se ne va, venendo poi "inghiottiti dalle tenebre". La violenza è parte dunque del rituale, e al di là di come la si consideri, il segreto per non rimanerne vittima è solo uno: tenersene lontani 

09 dicembre - 15:51

E' aperto fino il 24 dicembre e tutto il ricavato andrà ad aiutare le tante iniziative messe in campo dalla Croce Rossa Italiana per aiutare l'intera comunità

09 dicembre - 13:28

La giovane arcense, classe 2003, ha raggiunto il primato tra i teenagers assurti al ruolo di web-star. Seguita da 1,6 milioni di followers, con i suoi tutorials e le sue storie quotidiane, ha conquistato una vasta platea di pubblico, arrivando alla precoce età di 16 anni a pubblicare il suo secondo libro. La sua influenza, però, non si limita al seguito tra i giovanissimi. Come ogni buon influencer, promuove prodotti 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato