Contenuto sponsorizzato

Neve a basse quote, tanti i disagi alla viabilità: ecco quali sono i tratti chiusi al traffico (dal Passo Fedaia alla Sp64 tra Fai e Andalo)

Le nevicate intense delle ultime ore stanno mettendo a dura prova la viabilità sulle nostre strade. Dal passo Fedaia chiuso per rischio valanghe alla di Garniga da Garniga Vecchia a località Viote; la Sp64 di Fai da località Santel ad Andalo chiuse pericolo caduta alberi

Pubblicato il - 15 novembre 2019 - 11:37

TRENTO. Continuano i disagi legati all'ondata di maltempo. Se in varie zone del trentino si registrano crolli di piante, cadute di rami e qualche smotto e allagamento a causa delle intense precipitazioni delle ultime ore, è la neve, che sta cadendo sopra quota 800-1200 metri che sta creando più disagi per quanto riguarda la viabilità tra pericolo valanghe e chiusure di passi. Di seguito le criticità che si registrano nella nostra provincia:

 

- Alta Valsugana. In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri. Non si rilevano particolari disagi alla viabilità.

 

- Trento- Monte Bondone - Paganella. In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri. In località Vason si registrano circa 40 cm di neve fresca. Sono chiuse, per pericolo caduta piante: la Sp25 di Garniga da Garniga Vecchia a località Viote; la Sp64 di Fai da località Santel ad Andalo.

 

- Vallagarina e Altopiano di Folgaria. In questa zona le nevicate hanno inizio attorno ai 1300-1400 metri. Non si rilevano particolari disagi alla viabilità. Si rammenta la chiusura stagionale delle seguenti strade: Sp3 del Monte Baldo da località san Valentino al confine con la provincia di Verona; sp138 del Passo della Borcola dal km 5 a monte di località Incapo di Terragnolo.

 

- Val di Non e Sole. La nevicata sta interessando quasi tutta la val di Sole e parte della val di Non (a quote superiori agli 800 metri). Dalla mattina di oggi è attivo il presidio di Presson nel comune di Dimaro Folgarida lungo la Ss42, per il controllo che i veicoli in transito lungo le strade dell’Alta val di Sole siano equipaggiati con attrezzatura invernale (pneumatici da neve o catene montate). Permane il divieto di transito per autotreni ed autoarticolati nel tratto della Ss42 tra Fucine e Passo Tonale. Da questa mattina è chiusa la Sp141 nel tratto tra le frazioni di Bolentina e Montes per pericolo valanghe. E’ consentito il transito solo nelle fasce orarie: 07:00-08:30, 12:00-13:30 e 18:00-19:00 sotto la sorveglianza dei Vigili del Fuoco volontari. Sul resto della rete stradale delle valli del Noce non si registrano al momento particolari problemi per la circolazione. Nelle zone boscate, tra 900 e 1200 metri, sono in corso verifiche ed interventi puntuali per la messa in sicurezza di alcuni alberi di alto fusto prossimi alla sede stradale carichi di neve. Dalla tarda serata di ieri sono caduti 50 cm di neve fresca a Passo del Tonale, circa 40 cm a Passo Campo Carlo Magno, 15 cm a Passo Mendola.

 

-Valli Giudicarie – Val Rendena. In val Giudicarie ed in particolare in val Rendena sta nevicando intensamente a quote superiori a 900 – 1000 metri. Non si registrano problemi di rilievo alla viabilità. Nella notte e fino ad ora sono caduti fino a circa 40 cm di neve a Madonna di Campiglio. Al momento sono in azione i mezzi per lo sgombero neve a quote superiori a circa 800 metri e, nella zona di Madonna di Campiglio anche le frese per l’allargamento della carreggiata.

 

- Zona Alto Garda, Val di Ledro e Val di Gresta. La nevicata sta interessando principalmente le aree della val di Ledro, val di Gresta, valle di Cavedine e Monte Bondone a quote superiori a 1200-1300 metri. Si misurano fino a 50 cm di neve fresca in località Vason del Monte Bondone, 20 cm sui Passi Bordala e S. Barbara. Al momento non si segnalano particolari criticità lungo le strade del Settore.

 

- Bassa Valsugana e Primiero. Non si registrano particolari disagi alla viabilità. Quota neve oltre 1400 m. Passo Rolle 20 cm di neve, Passo Brocon 15 cm di neve. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve. Si rammenta la chiusura stagionale della Sp31 del Passo Manghen da località Baessa a località Piazzol a Molina di Fiemme nel Comune di Castello-Molina di Fiemme.

 

- Valli di Fiemme e Fassa. Neve sui passi circa 20 cm, nelle valli ai 5 cm. Chiusi il Passo Pordoi in territorio bellunese e passo Sella nella provincia di Bolzano, entrambi raggiungibili dal territorio trentino. Chiuso il passo Fedaia nel tratto ricompreso tra il confine di provincia e la località Diga per pericolo valanghe. Le stazioni turistiche presenti al passo sul territorio trentino sono comunque raggiungibili da Canazei. Chiusa la Sp102 delle piramidi per pericolo caduta massi. Strade di montagna percorribili con attrezzatura da neve.

 

Si raccomanda di viaggiare con prudenza e di prestare attenzione nella guida per possibili tratti ghiacciati o particolarmente sdrucciolevoli, soprattutto nelle zone a quote superiori a 800 – 1000 metri dove sono in attività i mezzi per lo sgombero neve per completare la pulizia delle strade e l’allargamento della carreggiata anche con l’impiego di frese o turbine da neve. Da oggi, inoltre, scatta l’obbligo di viaggiare con pneumatici da neve o catene a bordo, montate durante le precipitazioni nevose.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 20:54
L'esecutivo comunale è composto da 4 donne: 2 in quota Partito democratico, una rappresentante per Azione-Unione e Insieme. Il primo cittadino, Franco Ianeselli, ha delineato la Giunta a palazzo Thun chiamata a guidare Trento per i prossimi 5 anni: "Lavoriamo per la città in un'ottica di sostenibilità ecologica, economica, sociale e istituzionale"
29 settembre - 19:46

Sono 25 fino a questo momento le classi messe in quarantena perché sono stati riscontrati alunni positivi, ma 9 di queste hanno già terminato il periodo di isolamento mentre le altre 16 dovrebbero concludere questa misura tra pochi giorni

29 settembre - 20:36

L’assessore all’istruzione parla di “discriminazione ai danni dei nostri cittadini” ma l’unica ad aver discriminato qualcuno è la Provincia di Trento, così come stabilito da un giudice. Se un tribunale, di fronte a un ricorso di un cittadino, applica le leggi la colpa non è sua ma di quella Giunta incapace di scrivere un provvedimento degno di questo nome

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato