Contenuto sponsorizzato

Strade ghiacciate e rischi aumentano: una ragazza perde il controllo dell'auto e precipita nella scarpata

L'incidente è avvenuto poco prima di Bocenago lungo la strada provinciale. La macchina si è cappottata per diversi metri rimanendo a testa in giù

Pubblicato il - 15 dicembre 2019 - 08:51

BOCENAGO. Strade ghiacciate e in parte innevate stanno causando disagi e incidenti un po' ovunque sull'arco alpino. Ieri sera, intorno alle 17, una ragazza di 20 anni ha rischiato grosso finendo per volare fuori strada e per cappottarsi giù per una scarpata per svariati metri. Alla fine, stordita e dolorante, ne è uscita quasi illesa ma la paura è stata davvero tanta. 

 

L'incidente è avvenuto lungo la strada provinciale, poco fuori Bocenago in Val Rendena. La ragazza era alla guida della sua auto quando all'improvviso ha perso il controllo del mezzo complice, probabilmente, anche l'asfalto reso molto scivoloso dalle condizioni climatiche degli ultimi giorni. L'auto ha quindi sbandato e per la giovane non c'è stato più modo di rimetterla in carreggiata.

 

Uscita di strada la macchina si è cappottata lungo la scarpata ma, fortunatamente, la scocca del veicolo ha resistito e la giovane è rimasta protetta dal mezzo. Subito sul posto sono arrivati l'ambulanza del 118 servizio trasporto infermi Pinzolo Alta Rendena, i vigili del fuoco di Bocenago e la polizia locale delle Giudicarie. La giovane è stata caricata sul mezzo sanitario e portata all'ospedale di Tione, fortunatamente senza gravi ferite e non in pericolo di vita.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 13:22

I compagni di uscita hanno immediatamente interessato il Numero unico per le emergenze, ma si sono anche subito dati da fare per localizzare l'amico. In azione anche l'elicottero e le unità del soccorso alpino. Gli sportivi tutti dotati di Artva, pala e sonda

19 gennaio - 11:22

C'è un peggioramento per quanto riguarda la situazione negli ospedali. Oltre 7 mila test eseguiti in 24 ore tra tamponi molecolari e test antigenici. Sono 526 le vittime nella seconda ondata 

19 gennaio - 05:01

Antonio Ferro ha spiegato che una persona dopo aver ricevuto la prima dose ha registrato delle "parestesie" poi rientrate. Il direttore: "I benefici della vaccinazione sono senz'altro più importanti e rilevanti rispetto alle controindicazioni"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato