Contenuto sponsorizzato

Una mucca aveva aggredito e ucciso una donna, chiesto risarcimento di mezzo milione al contadino

L'incidente era avvenuto nel 2014. La donna era stata colpita e calpestata. Il contadino si è sempre detto non responsabile perché erano presenti dei cartelli. Ora farà ricorso 

Pubblicato il - 22 febbraio 2019 - 19:48

BOLZANO. E' stato condannato ad un risarcimento di quasi mezzo milione di euro il contadino proprietario di una mucca che cinque anni fa aveva ucciso una donna in Tirolo.

 

Il fatto è avvenuto nel luglio 2014 e la donna, una turista tedesca, stava facendo una escursione assieme al proprio cane quando ad un certo punto, una mucca le si è lanciata contro, colpendola con forza e calpestandola. Purtroppo per la donna i tentativi di rianimazione sono stati vani.

 

Il contadino si è sempre detto non responsabile perché nella zona erano presenti cartelli che mettevano in guardia dalla presenza sul pascolo di mucche con vitellini, che appunto possono risultare aggressive se si sentono minacciate.

 

L'accusa, invece, ha sempre ribadito la necessità di una recinzione. Il contadino ha annunciato ricorso.

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 maggio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 maggio - 06:01

La malattia di Lyme è la più diffusa. Secondo i dati dell'Apss nel 2017 i casi notificati sono stati 29. Rizzoli: "Le temperature più miti hanno fatto prolungare il periodo di attività durante il quale la zecca cerca un ospite di cui cibarsi"

22 maggio - 09:07

Ieri mattina alcuni automobilisti si sono accorti dell'auto cappottata. All'interno c'era il corpo senza vita di Sergio Dagnoli, 38 anni. Cameriere in un hotel di Riva del Garda 

21 maggio - 19:03

Mentre il profilo, subito dopo che l'articolo de ilDolomiti è stato pubblicato, è stato rimosso (e la Pat spiega che sono in corso verifiche) emergono altri screenshot sull'attività ''social'' del braccio destro dell'assessore provinciale allo sviluppo economico e al lavoro. Dopo le frasi sessiste e razziste ecco quella contro le parti sociali (con le quali il capo di gabinetto dovrebbe trattare)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato