Contenuto sponsorizzato

Una mucca aveva aggredito e ucciso una donna, chiesto risarcimento di mezzo milione al contadino

L'incidente era avvenuto nel 2014. La donna era stata colpita e calpestata. Il contadino si è sempre detto non responsabile perché erano presenti dei cartelli. Ora farà ricorso 

Pubblicato il - 22 febbraio 2019 - 19:48

BOLZANO. E' stato condannato ad un risarcimento di quasi mezzo milione di euro il contadino proprietario di una mucca che cinque anni fa aveva ucciso una donna in Tirolo.

 

Il fatto è avvenuto nel luglio 2014 e la donna, una turista tedesca, stava facendo una escursione assieme al proprio cane quando ad un certo punto, una mucca le si è lanciata contro, colpendola con forza e calpestandola. Purtroppo per la donna i tentativi di rianimazione sono stati vani.

 

Il contadino si è sempre detto non responsabile perché nella zona erano presenti cartelli che mettevano in guardia dalla presenza sul pascolo di mucche con vitellini, che appunto possono risultare aggressive se si sentono minacciate.

 

L'accusa, invece, ha sempre ribadito la necessità di una recinzione. Il contadino ha annunciato ricorso.

 

Potrebbe interessarti
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 marzo 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 marzo - 13:21

Dopo i manifesti per i ''100 anni di Giovinezza'' apparsi ieri oggi è stato attaccato questo striscione sul Lung'Adige. Rigurgiti di fascismo in un clima sempre più avvelenato con anche i trentini (un tempo coesi e forti della propria autonomia) ormai divisi tra un ''noi'' e un ''loro'' sempre più distanti

23 marzo - 17:10

Il motore di ricerca Lyst ha stilato una classifica delle firme più cercate tra i vari siti di alta moda e quelli di e-commerce. Alla fine gli uomini spendono in media più delle donne ma entrambi cercano prima di tutto le sneaker

23 marzo - 13:44

 Dopo la marcia del 15 marzo ieri moltissimi giovani hanno deciso i ripulire le sponde dell'Adige. Sofia Giunta: "Abbiamo lavorato sodo due ore, vogliamo proseguire un percorso concreto, vogliamo sensibilizzare i nostri coetanei e tutta la cittadinanza"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato