Contenuto sponsorizzato

A 17 anni guida dalla Serbia all'Italia solo per riabbracciare la madre. Fermato per un controllo casuale al confine con la Slovenia

Un giovane serbo non ha resistito al desiderio di ricongiungersi con la madre, lontana da mesi da casa perché occupata ad assistere un anziano in provincia di Vicenza. Salito sull'auto nonostante non avesse l'età per guidare, ha quindi attraversato diverse frontiere, venendo fermato casualmente al confine tra Italia e Slovenia

Pubblicato il - 10 maggio 2020 - 14:06

BASSANO DEL GRAPPA. Il desiderio di vedere la madre, rimasta in Italia durante il lungo periodo di lockdown, era davvero troppo forte per un giovane serbo di 17 anni. Per questo, sfidando le chiusure imposte a causa del Coronavirus e la sorte (diverse sono infatti le frontiere che devono essere superate per raggiungere l'Italia dalla Serbia), ha preso la macchina guidando ininterrottamente in direzione di Bassano del Grappa, dove questa lavora come badante.

 

La strada del 17enne, in auto da solo e chiaramente, vista l'età, senza patente, si è conclusa però a poche centinaia di chilometri dalla destinazione, quando si è visto fermare per un controllo casuale lungo il confine che divide il Friuli-Venezia Giulia dalla Slovenia. L'amore per la mamma, vista anche la giornata, appare dunque come l'unica nota positiva di una storia che si è conclusa, fortunatamente, solo con una grossa multa per il giovane “mammone”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 gennaio - 19:59

Il numero dei pazienti covid scende ancora e si posiziona a 260, ma la notizia incoraggiante sta anche nel forte calo dei decessi che oggi si fermano ad 1 solo caso avvenuto a Mori. Dei nuovi casi positivi, gli asintomatici sono 75 mentre i pauci sintomatici sono 96. Ci sono altri 19 casi di bambini e ragazzi in età scolare che hanno contratto il virus (le classi in quarantena ieri erano 24) e di questi 3 piccoli hanno meno di 5 anni. Gli ultra settantenni invece sono 30

22 gennaio - 18:49

Intervenuto nella conferenza stampa sulla situazione Covid in provincia, il direttore della Prevenzione dell'Apss Antonio Ferro spiega l'errore nella somministrazione a 12 operatori dell'ospedale di Rovereto di una soluzione fisiologica al posto dei vaccini. "Questo dimostra quanto siano importanti i controlli"

22 gennaio - 17:57

Sul fronte della campagna di vaccinazione,  sono stati somministrati 12.866 vaccini, di cui 3.281 ad ospiti di residenze per anziani. Si registrano 19 nuovi casi di bambini e ragazzi in età scolare

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato