Contenuto sponsorizzato

Ambulante vende merce in strada e fa concorrenza sleale, i prodotti sequestrati donati ai bisognosi tramite il banco alimentare

Un comportamento che non è in violazione del Decreto del presidente del Consiglio dei ministri, quanto piuttosto crea una situazione di concorrenza sleale. In azione la polizia locale Alta Valsugana

Pubblicato il - 12 aprile 2020 - 20:25

PERGINE. La polizia locale dell'Alta Valsugana, guidata dal dirigente Flavio Lucio Rossio, ha sequestrato la merce di un venditore ambulante, arance e finocchi sono stati così devoluti in beneficenza ai bisognosi attraverso i canali del Banco alimentare.

 

E' successo nella giornata di ieri, sabato 11 aprile, quando un imprenditore di un'azienda di prodotti ortofrutticoli ha segnalato la presenza in via Regensburger a Pergine di un ambulante impegnato a vendere merce in modo non corretto

 

Un comportamento che non è in violazione del Decreto del presidente del Consiglio dei ministri, quanto piuttosto crea una situazione di concorrenza sleale

 

La pattuglia si è tempestivamente portata sul posto alle 9 per un controllo, successivamente però l'ambulante è stato pizzicato non rispettare i regolamenti e così è scattata una sanzione, ma anche il sequestro della merce.

 

I prodotti sequestrati, arance e finocchi, sono stati devoluti in beneficenza ai bisognosi attraverso il supporto del banco alimentare

 

Oltre ai controlli sul rispetto delle restrizioni per fronteggiare il coronavirus, la polizia locale verifica anche le disposizioni in materia sicurezza e vendita secondo i regolamenti dell'amministrazione comunale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 04:01

In queste ore i vertici dell'Ordine dei medici sono scesi in campo per evidenziare preoccupazioni, riportare perplessità e criticità del sistema, ma anche proposte per migliorare la situazione in questa fase delicata della seconda ondata di Covid-19. Un settore attenzionato è quello delle Rsa

28 ottobre - 08:43

I contagi sarebbero partiti da almeno due pazienti che erano “sfuggiti” alle maglie dei controlli perché negativi al primo tampone. Fra infermieri e oss ci sono 12 sanitari positivi, anche alcuni pazienti fra i contagiati. Nel frattempo sono state disposte una serie di sanificazioni straordinarie

27 ottobre - 19:32

I ristoranti dolomitici tirano un sospiro di sollievo con la proroga che sposta dalle 20 alle 22 la chiusura delle cucine e chiedono alla loro clientela di anticipare l’arrivo ai tavoli. Alfio Ghezzi: "Dobbiamo crederci, far vedere agli ospiti che noi siamo operativi, pronti a soddisfare le esigenze e che lo facciamo in assoluta garanzia sanitaria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato