Contenuto sponsorizzato

Birra a un giovane di appena 13 anni e due ragazze di 15 e 17 anni: chiuso(per 10 giorni) il ''Caffè Mozart'' di Bolzano

Ad accorgersi che i tre stavano bevendo della birra sono stati degli agenti della polizia. Il questore ha disposto la chiusura in attesa della procedura sanzionatoria che verificherà l’eventuale sussistenza dei presupposti per l’applicazione del provvedimento di chiusura fino a 3 mesi previsto in caso di recidiva (un anno fa, infatti, era successa una cosa simile)

Pubblicato il - 23 gennaio 2020 - 14:07

BOLZANO. Un ragazzo di 13 anni e due ragazze di 15 e 17 anni che stavano bevendo della birra: erano questi gli avventori di uno dei locali più conosciuti di Bolzano che si trova a poche decine di metri dalla stazione delle corriere del capoluogo altoatesino.

 

Ad accorgersi che i tre minorenni stavano chiaramente bevendo delle sostanze alcoliche è stato l'equipaggio di una volante della polizia che stava transitando in via Alto Adige. Notati i tre con la birra in mano è scattato il controllo per il ''Caffè Mozart'' e il risultato è stato il seguente: chiusura, disposta dal questore, per dieci giorni del locale (con possibile aumento del provvedimento fino a una durata di 3 mesi) e una potenziale multa.

 

La ragione è chiara: somministrazione di alcolici a minori di anni 16, che costituisce reato, e a giovani tra i 16 ed i 18 anni che prevede una sanzione amministrativa che comporta, in caso di recidiva, oltre al pagamento di una somma da 500 a 2.000 euro, anche la chiusura del locale da quindici giorni a tre mesi.

 

Il Questore ha inoltre rilevato che già a febbraio dello scorso anno, in occasione di uno dei frequenti controlli effettuati in città, il gestore del locale era stato sanzionato per la somministrazione di bevande alcoliche a due minorenni.

 

In attesa della procedura sanzionatoria che verificherà l’eventuale sussistenza dei presupposti per l’applicazione del provvedimento di chiusura fino a 3 mesi previsto in caso di recidiva, il questore ha ritenuto necessario intervenire tempestivamente per tutelare la salute e l’incolumità dei minori, nonché l’ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini, con una sospensione temporanea finalizzata a prevenire la commissione di ulteriori violazioni e dare un segnale, sia al gestore che alla sua clientela, sulla necessità di un immediato cambio di rotta.

 

L’esperienza operativa indica infatti che i minori alla ricerca di luoghi di trasgressione conoscano esattamente i locali nei quali viene loro consentito il consumo di alcolici.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato