Contenuto sponsorizzato

Cercavano di far entrare in Italia illegalmente un connazionale, fermati al Brennero due ragazzi di 26 e 27 anni

I due viaggiavano su una macchina con targa italiana assieme ad un terzo soggetto che però non aveva alcun documento. Sono stati arrestati per favoreggiamento all'immigrazione clandestina 

Pubblicato il - 22 luglio 2020 - 09:54

BOLZANO. Proseguono i controlli alla frontiera da parte della polizia del Brennero per fermare l'immigrazione clandestina.

 

Proprio nella giornata di ieri è stata fermata un’autovettura con targa italiana, proveniente dall’Austria, con a bordo tre persone.

 

Da un controllo documentale risultavano esserci a bordo due cittadini di nazionalità indiana che viaggiavano unitamente ad un “presunto” cittadino indiano sprovvisto però di documenti, quindi in stato di clandestinità nello spazio Schengen, che stava entrando illegalmente in Italia con l’aiuto dei due connazionali.

 

A seguito di ulteriori verifiche ed accertamenti, il personale ha arrestato, in flagranza di reato, i due cittadini indiani di anni 27 e 26, residenti regolarmente in Italia a Brescia, per il reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina.

 

Entrambi sono stati portati alla Casa Circondariale di Bolzano a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato