Contenuto sponsorizzato

Comitiva di scout intossicata, colpita una dozzina di ragazzi tra gli 8 e i 13 anni. Sintomatologia più seria per due giovani portati a casa dai genitori

L'allerta è scattata questa mattina, mercoledì 2 settembre, quando una dozzina di ragazzi tra gli 8 e 13 anni di un gruppo scout ha accusato i primi malesseri. La gestione dell'emergenza è avvenuta direttamente sul posto da parte dell'Apss e Trentino emergenza

Di Luca Andreazza - 02 settembre 2020 - 17:34

BRENTONICO. E' rientrata l'emergenza per quanto riguarda i malesseri che hanno colpito diversi ragazzini impegnati in un camp sul Monte Baldo.

 

L'allerta è scattata questa mattina, mercoledì 2 settembre, quando una dozzina di ragazzi tra gli 8 e 13 anni di un gruppo scout ha accusato i primi malesseri (Qui articolo). 

 

Il gruppo formato da 47 ragazzi si trova in Polsa a Brentonico quando alcuni di loro hanno avvertito i malori tra vomito e dolori allo stomaco.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono subito portati i soccorsi tra medici di Trentino emergenza e dagli operatori dei centri dell'Apss. Un tempestivo e professionale intervento che ha permesso di limitare i danni.

 

Le autorità sanitarie hanno allestito dei punti avanzati per gestire la situazione direttamente in loco. Quasi tutti i giovanissimi colpiti dai sintomi si sono poi ripresi a seguito delle cure del personale sanitario. 

 

I ragazzi proseguono il camp, mentre due bambini presentano ancora una sintomatologia più seria e si attendono i genitori per portarli a casa. 

 

L'Ufficio igiene ha avviato le indagini del caso, i tecnici hanno effettuato dei campionamenti e i laboratori procedono alle analisi per ricostruire esattamente l'evento. I risultati dei test sono attesi per i prossimi giorni.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 novembre - 04:01

Mentre dal 15 al 25 novembre i positivi comunicati da Fugatti e Segnana ai trentini sono passati da 3.099 a 2.461 quelli veri a Trento città sono passati da 2.240 a 2.500 e mentre il livello di contagio pare stabile i dati comunicati dalla Pat fanno salire enormemente il gap con tutti gli altri territori nel rapporto tra positivi e ricoveri, decessi e terapie intensive (dati, questi, che non si possono interpretare) e anche l'ex rettore Bassi conferma: ''Con impegno e costanza degni di miglior causa, il Trentino è riuscito a emergere nel panorama nazionale come una anomalia sempre più evidente''

26 novembre - 20:38

Sono 460 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 297 positivi a fronte dell'analisi di 4.323 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,4%

26 novembre - 19:51

Mentre i contagiati comunicati da Fugatti e Segnana sono in costante calo, superati quasi ogni giorno dai guariti, il dato completo che comprende anche gli antigenici è meno rassicurante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato