Contenuto sponsorizzato

Contrabbando tabacchi, la Finanza sequestra 270 mila cartine e filtri per sigarette destinati alla vendita

I titolari degli esercizi sono stati denunciati per il reato di contrabbando e rischiano sanzioni pari a 5 euro per ogni grammo convenzionale di prodotto oltre alla pena della reclusione da due a cinque anni

Pubblicato il - 05 febbraio 2020 - 11:44

BOLZANO. I finanzieri delle compagnie di Bolzano e Merano e i colleghi della tenenza di Vipiteno, nei giorni scorsi, hanno sequestrato complessivamente oltre 270 mila cartine e filtri per sigarette destinati alla vendita. L'operazione è stata svolta nel corso dell'azione di prevenzione e contrasto alla commissione degli illeciti nel settore delle accise e delle imposte di consumo.

 

Si tratta di uno dei primi interventi a livello nazionale eseguiti dopo le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio 2020 (n. 160/2019), che, dal 1° gennaio scorso, ha introdotto un’imposta di consumo sui prodotti accessori ai tabacchi da fumo, consentendo la commercializzazione solo alle rivendite autorizzate, in possesso della licenza rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Fino al 31 dicembre 2019, invece, questi prodotti potevano essere venduti da qualsiasi esercizio commerciale ed anche online.

 

I negozi “visitati” dalla Guardia di Finanza, tutti risultati privi di licenza, sono situati nelle zone centrali dei comuni di Bolzano, Merano e Vipiteno.

 

L’individuazione delle rivendite irregolari è stata possibile grazie al costante monitoraggio e controllo del territorio svolto dalle Fiamme Gialle altoatesine; in alcune circostanze, i Finanzieri hanno constatato che i gestori, evidentemente a conoscenza delle modifiche normative intervenute, occultavano le cartine e i filtri dietro i banconi di vendita o nei magazzini adiacenti agli esercizi commerciali. Complessivamente sono stati rinvenuti e sequestrati circa 270 mila prodotti, tra cartine e filtri per sigarette, dei quali 155 mila a Bolzano, 45 mila a Vipiteno e 70 mila a Merano.

 

I gestori degli esercizi commerciali sono stati denunciati per il reato di contrabbando e rischiano sanzioni pari a 5 euro per ogni grammo convenzionale di prodotto (per legge, ogni cartina e ogni filtro sequestrati hanno un peso pari a un grammo ciascuno), oltre alla pena della reclusione da due a cinque anni.

 

Inoltre sono applicabili sanzioni accessorie che prevedono la confisca amministrativa dei prodotti e la chiusura dell’esercizio ovvero la sospensione della licenza o dell’autorizzazione dell’esercizio per un periodo non inferiore a cinque giorni e non superiore ad un mese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 20:06

Il Partito democratico: "Quello che ci dispiace è che in un momento così delicato come quello che stiamo attraversando Fugatti agisca in modo propagandistico invece che responsabile". I sindacati: "L'aspetto più grave è che saranno le imprese e i lavoratori a pagare le conseguenze di questa situazione di totale indeterminatezza"

28 ottobre - 20:47

La serrata francese scatta da giovedì 29 ottobre al 1 dicembre. Solo oggi sono stati registrati 69.854 nuovi casi, 767 decessi, 2.821 ricoveri e 372 in terapia intensiva. Forte crescita dei contagi anche in Germania, un mese di "lockdown soft"

28 ottobre - 18:46

Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 191 positivi a fronte dell'analisi di 2.761 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 6,9%. Tra i nuovi contagiati, 128 persone presentano sintomi, circa il 67% dei positivi totali. Sono 116 le classi in isolamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato