Contenuto sponsorizzato

Contratti troppo brevi per oss e infermieri? Le precisazioni di Apss: “Abbiamo seguito le disposizioni previste dalla normativa”

Dopo le polemiche sui contratti a tempo determinato “troppo brevi” arriva la presa di posizione ufficiale dell’Azienda sanitaria che parla di “una visione errata della situazione e delle motivazioni per le quali sono state fatte le proroghe”

Foto ufficio stampa Pat
Di Tiziano Grottolo - 24 October 2020 - 21:12

TRENTO. “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso”, sono queste le parole usate da un’ex oss di Apss che durante l’emergenza sanitaria ha lavorato nei reparti dove erano ricoverati i malati di coronavirus (QUI articolo). Durante la fase emergenziale infatti, l’azienda sanitaria si è trovata a corto di personale per far fronte all’aumento esponenziale dei contagi dovendo ricorrere per questo motivo a delle assunzioni straordinarie.

 

I problemi, così come rilevato da molti lavoratori del settore, sono nati allo scadere dei primi 6 mesi di contratto a tempo determinato, con delle proposte di rinnovo che sono state giudicate insufficienti, visto che in alcuni casi sono state prorogate per soli 15 giorni. Un tempo troppo breve per organizzarsi, soprattutto per chi era arrivato da fuori Provincia, così in molti, sia oss che infermieri, hanno deciso di abbandonare i reparti di Apss cercando occupazione altrove.

 

A stretto giro è arrivata la presa di posizione ufficiale dell’Azienda sanitaria che parla diuna visione errata della situazione e delle motivazioni per le quali sono state fatte le proroghe successive al contratto a tempo determinato stipulato con la signora intervistata”. Di seguito il comunicato dell’Azienda sanitaria.

 

Preme evidenziare anzitutto che il lavoro svolto dal personale sanitario, ivi compreso quello a tempo determinato assunto in emergenza, è stato straordinario, ha permesso di superare la prima fase dell’emergenza e sarà altrettanto fondamentale per affrontare i prossimi mesi con l’evoluzione della pandemia in corso.

 

Per quanto riguarda quanto affermato dalla signora si evidenzia che il contratto è stato stipulato sulla base delle disposizioni straordinarie per lo stato di emergenza Covid-19 contenute nel decreto legge 18/2020 (convertito nella Legge 27/2020) che ha previsto contratti a tempo determinato per i professionisti sanitari. Le norme prevedevano le assunzioni di personale, con contratti di durata semestrale, poi prorogati in virtù della proroga dello stato di emergenza nazionale avvenuta, come noto, prima al 15 ottobre e successivamente al 31 gennaio 2021. L’Azienda provinciale per i servizi sanitari si è dunque attenuta, alle disposizioni previste dalla normativa per tutti gli enti del servizio sanitario nazionale.

 

Le assunzioni a tempo indeterminato continuano a seguire le regole ordinarie e quindi avvengono esclusivamente a seguito di pubblici concorsi come previsto dall’articolo 97 comma 3 della Costituzione italiana che norma l’accesso al pubblico impiego. In ultimo si sottolinea che è attualmente in corso di svolgimento un concorso per assunzioni a tempo indeterminato per Operatore socio sanitario la cui graduatoria sarà disponibile nei prossimi mesi.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 19:00
Secondo la presidente del Comitato per la legalità e la trasparenza ed ex consigliera comunale a Rovereto, molti cittadini lamenterebbero tempi [...]
Cronaca
29 novembre - 20:00
Trovati 64 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 31 guarigioni. Sono 53 i pazienti in ospedale. Sono 836.703 le dosi di [...]
Cronaca
29 novembre - 19:02
I centri vaccinali dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari saranno aperti in via eccezionale dalle 6 alle 24 per una vera e propria [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato