Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 163 nuovi casi in Alto Adige (più della metà con gli antigenici). Drammatico il conto delle vittime: altre 11 in 24 ore

Il bollettino quotidiano sulla situazione Coronavirus in Alto Adige registra numeri contenuti nei contagi ma drammatici nei decessi. Sono 11 infatti quelli registrati nelle ultime 24 ore, con il bilancio provvisorio complessivo che sale a 594 morti

Di Davide Leveghi - 08 dicembre 2020 - 11:30

BOLZANO. Sono 163 i casi di Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Alto Adige. Nel bollettino quotidiano sulla situazione in provincia, le positività individuate si dividono in 79 emerse su 1046 tamponi molecolari effettuati e 84 su 1629 test rapidi. Il tasso contagi/tamponi si attesta così al 7,55% nel primo caso e al 5,16% nel secondo, entrambi in calo rispetto alla giornata di lunedì 7 dicembre.

 

Il numero più drammatico si trova invece nella voce dei decessi. Sono 11 quelli registrati nelle ultime 24 ore, cifra che porta il bilancio complessivo da inizio epidemia a 594 morti. I casi di positività emersi dai tamponi molecolari sono invece 25.555.

 

In calo rispetto alla giornata di lunedì diverse voci, dalle terapie intensive, ora scese a 30, ai ricoveri, attestati a 237. Nelle strutture private convenzionate si trovano invece 146 pazienti. I pazienti Covid isolati nelle strutture di Sarnes e Colle Isarco sono 68, divisi fra i 21 della prima e i 47 della seconda. In isolamento domiciliare si trovano invece 7166 persone.

 

Salgono a 14.078 le persone guarite dal Covid. Tra i collaboratori e le collaboratrici dell'azienda sanitaria quelli risultati positivi al test sono 1218, di cui 780 guariti. Tra medici di medicina generale e pediatri di libera scelta, invece, i positivi sono 37, di cui 26 guariti.

 

I numeri in breve:

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri (07 dicembre): 1.046

Nuovi casi testati positivi da PCR: 79

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 25.555

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 325.198

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 152.639 (+243)

 

Test antigenici:

test antigenici eseguiti ieri: 1.629

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 84

 

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 237

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate: 146

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 68 (47 a Colle Isarco e 21 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva: 30

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 594 (+11)

Persone in isolamento domiciliare: 7.166

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 56.600

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 63.766

Persone guarite: 14.078 (+102). A queste si aggiungono 1.417 (+0) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test. Totale: 15.495 (+102)

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: 1.218, di questi 780 guariti. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: 37, di questi 26 guariti (al 05.12.)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

28 January - 09:58

Sul rientro in Italia lo zio Gianni Forti spiega: "Chico è in carcere da oltre 20 anni e una condanna simile come quella che ha avuto lui non c'è in Italia. E' una situazione abbastanza fumosa”

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato