Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, giornata drammatica in Alto Adige: 13 decessi nelle ultime 24 ore e le morti nella seconda ondata superano la quota 700

Bilancio drammatico in Alto Adige, dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 13 decessi di persone positive al Covid-19. Sono 183 invece i nuovi positivi. In aumento il numero dei ricoverati

Di Davide Leveghi - 22 February 2021 - 11:58

BOLZANO. Bilancio dei decessi durissimo nelle ultime 24 ore in Alto Adige, dove sono state 13 le persone positive al Covid-19 morte. Complessivamente da inizio pandemia i decessi sono stati 993, 701 solamente da settembre.

 

Il tasso contagi/tamponi registra invece un calo netto, passando dal 4,79% di domenica 21 febbraio al 2,53% di oggi, lunedì 22 febbraio. I positivi registrati nelle ultime 24 ore sono 183, divisi fra 119 emersi con i tamponi molecolari (effettuati nel numero di 1135) e 64 emersi con i test antigenici rapidi (effettuati nel numero di 6097). Da inizio pandemia, i numeri delle persone testate positive da pcr sono quindi 41.813.

 

Sul fronte ospedali, si registra un'importante crescita per quanto riguarda i ricoveri, passati a 259 nei normali reparti ospedalieri. Stabile invece quelle dei pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate (163). Cala il numero delle persone ricoverate in terapia intensiva (39), mentre cresce quello dei pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Le persone in quarantena o isolamento domicialire sono 11.747.

 

Nella giornata di oggi sono entrate in vigore le misure ad hoc per i primi 4 territori colpiti dove è stata rilevata la presenza della cosiddetta variante sudafricana. Si tratta dei Comuni di Merano, Rifiano, San Pancrazio e Moso in Passiria.

 

I numeri in breve:

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri (21 febbraio): 1.135

Nuovi casi testati positivi da PCR: 119

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 41.813

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 479.269

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 194.278 (+295)

 

Test antigenici:

Numero complessivo test antigenici: 728.148

Numero delle persone testate positive da test antigenici: 21.560

Test antigenici eseguiti ieri: 6.097

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 64

 

Altri dati:

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 259

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate (postacuti respetivamente ricoverati da RSA): 163

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes: 49 (49 a Colle Isarco e 0 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva39 (di cui 33 classificati ICU-Covid, inoltre 3 pazienti Covid-19 ricoverati in reparto di terapia intensiva all'estero)

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 993 (+13)

Persone in quarantene/isolamento domiciliare11.747

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 107.819

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 119.566

Persone guarite: Persone guarite da PCR 28.795 (+161). A queste si aggiungono 1.668 (+1) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test; inoltre persone guarite per indagine epidemiologica: 12.343 (+0).

Guariti totali (PCR e test antigenici): 58.267

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: 1.846, di questi 1.408 guariti. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: 53, di questi 40 guariti (al 10.02.2021)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 March - 19:53
Sono 226 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 67 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
04 March - 18:14

Si attendono le nuove classificazioni. La curva del contagio è in crescita a livello nazionale e la prospettiva è quella di diversi cambi di zona. Il Trentino dovrebbe restare in zona arancione e la Pat conferma l'intenzione di proseguire con la didattica in presenza al 50%

04 March - 19:16

Nuovi riscontri alla diffusione della variante inglese in Provincia, dopo il caso dei dipendenti della Cassa Rurale della Val di Fiemme anche 15 dipendenti di una fabbrica di Trento sono stati contagiati dalla stessa mutazione. Ferro: “La variante inglese ha una grande capacità di contagio soprattutto nei luoghi chiusi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato