Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Alto Adige, 374 nuovi positivi e 13 decessi. Superata la barriera dei 1.000 morti da inizio epidemia

I laboratori dell'Azienda sanitaria nelle ultime 24 ore hanno effettuato 1.686 tamponi molecolari e registrati 119 nuovi casi. Inoltre 260 test antigenici

Di L.A. - 23 February 2021 - 13:21

BOLZANO. Sono stati trovati 374 nuovi positivi e comunicati 13 decessi di cui 6 morti sono avvenute tra dicembre e gennaio, aggiunte in queste ore dopo una revisione dei dati. Questo il bollettino di oggi, martedì 23 febbraio, sul fronte dell'emergenza Covid in Alto Adige.

 

Sono 374 i contagi identificati a fronte di 16.869 tamponi per un rapporto contagi/tamponi che si attesta al 2,2%. Un dato che si divide tra i 114 positivi ai 1.686 tamponi molecolari (6,8%) e i 260 casi con 15.183 test antigenici (1,7%).

 

Sono stati comunicati altri 13 morti, il bilancio è di 714 vittime nella seconda ondata, il totale è di 1.006 decessi da inizio epidemia. Sono 41.927 le persone che hanno contratto il coronavirus da marzo, accertate con tampone molecolare; 21.820 le infezioni riscontrate tramite test antigenico.

 

Ci sono 259 persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri163 nelle strutture private convenzionate e 49 pazienti in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes. Sono 39 i cittadini che ricorrono alle cure della terapia intensiva. Attualmente invece sono 11.351 le persone in quarantena. A livello provinciale a oggi (23 febbraio) sono stati effettuati in totale 480.955 tamponi molecolari su 194.606 persone743.331 invece i test antigenici eseguiti nel corso della seconda ondata. 

 

Sono stati trovati sul territorio altoatesino altri 4 casi di variante a Lana, Merano e Rifano, cioè in tre dei nove comuni già blindati in entrata e uscita, quindi non è necessario prendere nuovi provvedimenti (Qui articolo).

 

I numeri in breve:

Test PCR:

Tamponi effettuati ieri (21 febbraio): 1.686

Nuovi casi testati positivi da PCR: 114

Numero delle persone testate positive da PCR al coronavirus: 41.927

Numero complessivo dei tamponi effettuati: 480.955

Numero delle persone sottoposte al test PCR: 194.606 (+328)

 

Test antigenici:

Numero complessivo test antigenici: 743.331

Numero delle persone testate positive da test antigenici: 21.820

Test antigenici eseguiti ieri: 15.183

Numero delle persone testate positive dai test antigenici: 260

 

Altri dati:

Pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri: 246

Pazienti Covid-19 ricoverati nelle strutture private convenzionate (postacuti rispettivamente ricoverati da RSA): 163

Pazienti Covid-19 in isolamento nelle strutture di Colle Isarco e Sarnes54 (54 a Colle Isarco e 0 a Sarnes)

Numero di pazienti Covid ricoverati in reparti di terapia intensiva38 (di cui 32 classificati ICU-Covid, inoltre 3 pazienti Covid-19 ricoverati in reparto di terapia intensiva all'estero)

Decessi complessivi (incluse le case di riposo): 1.006 (+13; di cui 6 persone morte in dicembre/gennaio, che sono state aggiunte dopo una revisione)

Persone in quarantene/isolamento domiciliare11.351

Persone che hanno concluso la quarantena e l'isolamento domiciliare: 108.838

Persone alle quali sinora sono state imposte misure di quarantena obbligatoria o isolamento: 120.189

Persone guarite: Persone guarite da PCR 28.963 (+168). A queste si aggiungono 1.668 (+0) persone che avevano un test dall'esito incerto o poco chiaro e che in seguito sono risultate negative al test; inoltre persone guarite per indagine epidemiologica: 12.343 (+0).

Guariti totali (PCR & test antigenici): 58.514

Collaboratori/collaboratrici dell'Azienda sanitaria positivi al test: 1.846, di questi 1.408 guariti. Medici di medicina generale e pediatri di libera scelta: 53, di questi 40 guariti (al 10.02.2021)

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

08 March - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato