Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, altri 4 casi di variante sudafricana in Alto Adige: salgono a 16 i pazienti trovati. Sono 96 quelli con l'inglese

I nuovi casi sono stati trovati a Lana, Merano e Rifano dunque in tre dei nove comuni già blindati in entrata ed uscita quindi non dovranno essere presi nuovi provvedimenti

Pubblicato il - 23 February 2021 - 12:46

MERANO. La variante sudafricana circola, ormai, in Alto Adige e oggi sono stati trovati altri quattro casi in tre dei comuni già blindati negli scorsi giorni per ordinanza del presidente Kompatscher. Si tratta di Merano, Rifiano e Lana e questa è l'unica buona notizia nella difficilissima situazione caratterizzata dalla circolazione di un virus mutato che rischia di essere più ''resistente'' ai vaccini, in particolar modo a quello di Astrazeneca.

 

La diffusione della variante sudafricana, infatti, pare circoscritta alle zone dove era già stata trovata e che sono chiuse sia negli ingressi che nelle uscite. La Val Passiria, in questo senso, e Merano sono le aree più colpite e tra lunedì ed oggi è scattato in tutti i nove comuni coinvolti l'obbligo di tampone negativo per poter uscire dai confini municipali solo per ragioni di lavoro, necessità, emergenze sanitarie. 

 

La variante sudafricana, come noto, è una mutazione che rende il virus molto più contagioso oltre che, da primi studi, più difficile da arrestare con alcuni vaccini. I 4 casi trovati nelle ultime ore portano a 16 il numero totale dei casi confermati di questa variante. In Alto Adige circolano, però, anche altre varianti, le più frequenti sono la cosiddetta variante spagnola (163 casi) e quella inglese (96 casi).

 

''Poiché i casi sono stati rilevati in comuni dove è già in vigore una chiusura totale - comunica la provincia di Bolzano - con test obbligatori per uscire/entrare dalle/nelle aree comunali, al momento non sono necessarie ulteriori misure restrittive''. I comuni blindati in questo momento sono Merano, Rifiano, Moso in Passiria, San Pancrazio, Malles Venosta, Lana, San Martino in Passiria, Caines e San Leonardo in Passiria.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

08 March - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato