Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, 56enne fermato durante i controlli: girava in macchina con una pistola alterata e clandestina

A bloccarlo sono stati i carabinieri forestali di Alpago. L'uomo è stato posto agli arresti domiciliari ed è stato denunciato anche per non aver rispettato i divieti posti in atto per limitare i contagi da coronavirus 

Pubblicato il - 23 marzo 2020 - 16:46

BELLUNO. Se ne andava in giro in macchina con tanto di pistola alterata e clandestina assieme a delle munizioni.

 

A finire nei guai è un uomo di 56 anni fermato dai carabinieri forestale della stazione di Alpago durante i controlli messi in campo per far rispettare i divieti posti in atto per il contenimento del coronavirus.

 

I militari dopo aver intimano l'alt al 56enne hanno notando però da parte dell'uomo un movimento repentino ed inconsueto poco prima che arrestasse il mezzo. Hanno deciso quindi di procedere alla perquisizione del mezzo rinvenendo sotto il tappetino lato passeggero una carabina semiautomatica modello Henry repeating arma caldo. Accanto a questa anche il munizionamento.

 

Dopo le formalità di rito l'uomo è stato tradotto agli arresti domiciliari come disposto dalla autorità giudiziaria. Il 56enne è stato posto agli arresti domiciliari. Tra le denunce anche quella per violazione dei divieti per coronavirus perché circolava senza giustificato motivo.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

19 ottobre - 17:44

Sono stati analizzati 1.521 tamponi, 79 i test positivi nelle ultime 24 ore. Il rapporto contagi/tamponi si attesa a 5,2%. Ci sono 6 classi in più in isolamento a causa dell'epidemia Covid-19

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato