Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, al via domani a Trento e Rovereto la pulizia speciale delle strade

Verrà utilizzata acqua che supera i 60 gradi per rimuovere la polvere che è comunque ricettacolo di virus 

Pubblicato il - 13 marzo 2020 - 19:00

TRENTO. “Non vi è al momento alcuna esigenza di disinfezione ma ci sarà a partire da domani una pulizia profonda sia a Trento che a Rovereto” a dirlo in conferenza stampa è stato il dirigente della protezione civile Raffaele De Col in merito alle azioni di contrasto alla diffusione del coronavirus che verranno messe in campo sul nostro territorio.

 

Quest'oggi il comune di Bolzano aveva infatti informato la cittadinanza dell'inizio, a partire da lunedì, di una disinfestazione strade, piazze e parchi gioco comunali con l'utilizzo del perossido di idrogeno al 50%, solubilizzato in acqua al 5% ed erogato attraverso un atomizzatore montato su pick-up.

 

Per quanto riguarda il nostro territorio, invece, si procederà ad una pulizia profonda di strade e marciapiedi con acqua a temperatura che supererà i 60 gradi.

 

“La pulizia si terrà domani sia a Trento che a Rovereto – ha spiegato De Col – ma per il momento non saranno usati particolari prodotti per disinfettare. Non ci sono indicazioni ed è per questo che in accordo anche con le altre regioni abbiamo deciso per una pulizia profonda che consentirà di rimuovere le polveri che sono comunque ricettacolo di virus”. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 09:39

Attorno alle 9 una densa colonna di fumo si è alzata da una casa. Le fiamme hanno avvolto il tetto di un'abitazione a Verla di Giovo, in Val di Cembra. Sul luogo diversi corpi dei vigili del fuoco per domare l'incendio

20 ottobre - 09:09

A causa dell'auto incidentata, rimasta bloccata sulla carreggiata, lungo la strada statale 47 della Valsugana si sono formate lunghe code, i mezzi procedono a passo d’uomo. C’è anche un ferito trasportato in ambulanza all’ospedale

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato