Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, centinaia di senzatetto rischiano di finire in strada. A Trento manca l'ok della Pat per tenere aperte le strutture dopo il 31 maggio

A lanciare l'allarme è stato il consigliere comunale di Trento, Paolo Serra: "Siamo ancora in emergenza, sono centinaia quelli che rischiano di finire in strada e a rischio contagio''

Foto da internet
Di gf - 24 maggio 2020 - 20:04

TRENTO. Negli scorsi mesi a causa dell'emergenza coronavirus i posti nelle strutture per l'accoglienza dei senzatetto erano stati potenziati e quelli invernali prorogati non solo fino al 31 maggio ma aperti anche tutto il giorno. Un intervento importante che ha consentito a tante persone che si trovavano in strada ad avere un riparo durante anche tutta la giornata limitando quindi il rischio di contagio.

 

La situazione, però, sembra destinata a cambiare. Il 31 maggio, infatti, terminerà la proroga per l'apertura e il rischio è che in tanti si ritrovino nuovamente in strada durante questa pandemia che non è ancora terminata. “Entro il 31 maggio – ha spiegato il consigliere comunale Paolo Serra - saranno chiusi alcuni dormitori che accolgono persone in difficoltà. I dormitori accolgono parecchie persone e durante l’emergenza Covid19 si era ampliato il servizio per impedire di dormire all’aperto e di essere curati eventualmente se ammalati. Tra una settimana circa 200 persone si troveranno in mezzo alla strada, senza un adeguato riparo”.

 

La Provincia Autonoma di Trento, infatti, non ha al momento dato alcuna comunicazione in merito al rinnovo della convezione e quindi il finanziamento per permettere alle strutture di rimanere aperte. “Siamo ancora in emergenza – ha continuato Serra - è quindi necessario prolungare l’utilizzo dei dormitori almeno fino al 31 luglio, conclusione ufficiale dell’emergenza stabilita dal Governo Nazionale. Il Comune di Trento è pronto a fare la sua parte ma serve il sostegno della Provincia. Aiutiamo tutti aiutiamo anche queste persone, confermiamo l’attuale sistemazione non giriamoci dall’altra parte”.

 

La questione è già all'attenzione dell'assessora comunale Mariachiara Franzoia che nei prossimi giorni dovrebbe avere un incontro in Provincia per discutere l'eventuale proroga che è di fondamentale importanza per evitare di mettere in pericolo e in balia del contagio centinaia di persone.

 

“Stiamo cercando di chiedere delle proroghe – ha spiegato l'assessora - ancora per riuscire a fare le cose con gradualità. Si sta cercando di interloquire con la Provincia e le altre realtà che si occupano dei senzatetto”. La competenza è infatti della Provincia che, come già detto, dovrebbe finanziare le strutture affinché possano rimanere aperte. La programmazione e la gestione è poi congiunta con comune di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 18:18

Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia coronavirus. Ci sono complessivamente 2.678 casi e 292 decessi da inizio emergenza in Alto Adige

16 luglio - 19:20

L'allerta è scattata intorno intorno alle 18 di oggi, giovedì 16 luglio, a Valda, frazione del Comune di Altavalle. In azione la macchina dei soccorsi, ambulanza, elicottero, vigili del fuoco di zona e carabinieri

16 luglio - 15:00

E' successo poco prima di mezzanotte, sul posto  una volante della squadra mobile e la polizia locale. Due denunce 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato