Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Dpcm ufficiale: stop a cene e aperitivi (bar e ristoranti chiusi alle 18) e Dad alle superiori al 75%

Il Governo ha affrontato con fermezza le Regioni: confermate quasi tutte le disposizioni presenti nella bozza. Fra le attività sospese ci sono palestre, piscine, centri benessere, ma anche spettacoli e sale slot. Non è previsto nessun lockdown ma si “raccomanda” di evitare gli spostamenti non necessari

Di T.G. - 25 ottobre 2020 - 11:02

TRENTO. Il confronto, anche molto duro, con Regioni e Province autonome è proseguito per tutta la notte ma alla fine il Governo è rimasto fermo sulle sue posizioni, evidenziando la “necessità di contenere la diffusione del virus Covid-19”. Così le misure anti-contagio messe nero su bianco nella bozza del Dpcm pubblicata ieri sono state quasi tutte confermate.

 

Da quanto trapela il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il nuovo Dpcm e nel pomeriggio illustrerà nel dettaglio le disposizioni che entreranno in vigore domani, 26 ottobre, fino al prossimo 24 novembre.

 

In particolare sono stati colpiti gli spostamenti e se è vero che il Governo, per ora, non ha previsto nessun lockdown la “raccomandazione” è quella di evitare gli spostamenti non necessari. Per quanto riguarda la scuola, fino alle medie si proseguirà con le lezioni in presenza mentre per le superiori è previsto il passaggio alla didattica a distanza fino al 75% delle ore di attività, modulando ulteriormente la gestione degli orari di ingresso e di uscita degli alunni.

 

Stretta per bar e ristoranti che dovranno chiudere, obbligatoriamente, entro le 18. Unica differenza, a quanto sembra, i locali potranno rimanere aperti anche la domenica. Allo stesso modo, sempre dalle 18, entrerà in vigore uno stop al consumo di cibi e bevande nei luoghi pubblici e aperti al pubblico.

 

Fra le attività sospese ci sono palestre, piscine, centri natatori, centri benessere, centri termali, “fatta eccezione – precisa il Dpcm – per l’erogazione delle prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza”, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. Stop pure alle sale giochi, sale scommesse e sale bingo e casinò. Chiudono perfino gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all'aperto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 novembre - 18:32

Il tema è quello dell'apertura degli impianti per il periodo di Natale e Capodanno, ipotesi in questo momento bloccata da Roma. Nel tentativo di forzare una decisione diversa, la Provincia di Trento e quella di Bolzano, valle d'Aosta, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Veneto e Piemonte hanno trovato un'intesa unanime sul protocollo di sicurezza

23 novembre - 18:41

E' stato predisposto un piano organizzato per le prime dosi. Ferro: "Ordinati i frigo per conservare il siero, le categorie che per prime lo riceveranno sono state scelte a livello centrale per evitare tensioni"

23 novembre - 16:45

L'episodio, segnalato da un utente, è avvenuto in uno dei comuni ''zona rossa'' del Trentino. Le Poste Italiane: ''Negli uffici protocolli stringenti e rispettiamo sempre le regole''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato