Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, due uomini sorpresi in Piazza Dante a bere birra (nonostante la chiusura del parco e i divieti). Beccati un pusher e il suo acquirente a Roverè della Luna

Nell'ambito delle misure di contenimento contro l'epidemia da Coronavirus, i carabinieri del comando provinciale di Trento hanno intensificato i controlli, utilizzando anche un elicottero in forza al nucleo di Bolzano

Pubblicato il - 13 aprile 2020 - 14:05

TRENTO. E' stato denunciato per detenzione di stupefacenti ai fini dello spaccio un 31enne fermato a Roverè della Luna mentre stava vendendo della cocaina ad un coetaneo altoatesino. L'uomo, un cittadino albanese, è risultato possedere nel corso della perquisizione domestica anche un modesto quantitativo di hashish e marijuana, oltre al materiale per il confezionamento e un bilancino di precisione. Il pusher è stato denunciato per spaccio, invece, il consumatore è stato segnalato al locale ufficio territoriale del Governo quale assuntore.

 

Il controllo faceva parte dei servizi antidroga dei carabinieri che sono diventati sempre più mirati in questo periodo viste le nuove “precauzioni” che consumatori e spacciatori stanno prendendo per continuare nelle loro compravendite senza essere colti dalle forze dell'ordine, scegliendo sempre luoghi e orari diversi, anche nelle periferie e viste le strade deserte e i moltissimi posti di blocco di agenti e militari, sulle strade, per far rispettare le regole anti-Covid.

 

In questo senso nel giorno di Pasqua sono stati sorpresi due cittadini in piazza Dante a sorseggiare una birra su una panchina. Un comportamento sbagliato più volte visto che il parco è recintato e non vi si può entrare, visto che sulle panchine non ci si può sedere in più d'uno e viste le regole generali che prevedono di restare a casa. Si trattava di un trentino e di un perginese che, ovviamente, sono stati fatti allontanare e sanzionati. Proprio in virtù delle belle giornate di sole, i carabinieri hanno intensificato i controlli. Infatti saranno messi in campo un numero ancor più elevato di pattuglie, che controlleranno scrupolosamente l’intero territorio e le principali arterie di comunicazione, dove saranno attuati, sin dalle prime ore del mattino, mirati posti di controllo, su entrambe le direttrici di marcia.

 

L’attività verrà integrata anche da un cospicuo numero di pattuglie, che controlleranno anche le aree boschive, i sentieri e le strade agro-pastorali, mete maggiormente frequentate tradizionalmente in questi giorni festivi. Sarà anche impiegato anche un elicottero del 3° Nucleo Elicotteri di Bolzano, per il sorvolo delle aree più interessate dalle scampagnate pasquali.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

30 ottobre - 20:57

Questi alcuni commenti durante la diretta della Provincia per aggiornare il territorio sulla situazione epidemiologica. Rossi (Patt): "Fugatti deve dissociarsi subito e anche prendere provvedimenti altrimenti vuol dire che condivide"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato