Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, un nuovo positivo a San Giovanni di Fassa, un guarito a Canazei

Ci sono complessivamente 5.448 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Sono stati analizzati 708 tamponi e tre test sono risultati positivi per un rapporto contagi/tamponi a 0,42%

Di Luca Andreazza - 09 giugno 2020 - 20:22

TRENTO. Ci sono 5.448 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Sono stati analizzati 708 tamponi e tre test sono risultati positivi per un rapporto contagi/tamponi a 0,42%. Quinto giorno consecutivo senza morti legati a Covid-19, la quindicesima giornata da inizio emergenza (Qui articolo).

Fortunatamente non sono stati registrati decessi legati a Covid-19 nelle ultime 24 ore. A Trento sono state 47 le vittime da inizio epidemia, 34 a Pergine Arco, 31 a Rovereto, 30 a Ledro. Sono 20 i morti a Predazzo, 16 a DroMezzolombardo Riva del Garda e 13 a Cavedine Pieve di Bono-Prezzo, 12 a Pellizzano, 11 a Lavis, 10 a Borgo Chiese Nomi.

 

Sono 7 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere con coronavirus, mentre un paziente si trova in terapia intensiva

Sono 3 i nuovi positivi. Una persona a Cles che si porta a 92 casi da inizio epidemia, San Giovanni di Fassa (91 casi) e Predaia (24 casi). 

 

Ci sono altri 4 guariti nelle ultime 24 ore tra Predaia, Riva del Garda, Levico e Canazei.

Tassi di contagio. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione che nelle scorse settimane hanno effettuato i test sierologiciVermiglio (4,2%), Canazei (5%) e Campitello di Fassa (6,2%), Borgo Chiese (6,5%) e Pieve di Bono-Prezzo al 6,9%. Un'altra operazione simile è prevista in altri 17 territori ma non sembra aver riscontrato il favore della popolazione, una bassa adesione ai test.

 

 

Numeri alti anche a Pellizzano (7,7%), Bleggio Superiore (5,1%), Mazzin (3,4%), Ledro (3,3%), Canal San Bovo (3%), Valdaone (2,8%), Predazzo Storo (2,7%), Nomi, Spiazzo e Cavedago (2,6%), San Giovanni (2,5%), Sella Giudicarie (2,4%), PinzoloGiustino e Caderzone (2,3%), Castello-Molina di FiemmeDrena Soraga (2,2%), Cavedine Arco (2,1%), Cavalese (2%). Il tasso a livello provinciale è di 1%. A Trento si registra 0,57%, Rovereto a 0,53%, Riva del Garda a 0,96% e Pergine a 1,2%.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 28 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

29 settembre - 18:05

Oggi la Giunta provinciale ha approvato il documento attraverso il quale si avvierà la riduzione delle presenze all'interno della residenza fino alla chiusura della stessa. Sul tema dell'accoglienza il neo sindaco di Trento, Franco Ianeselli, ha spiegato che tra Pat e Comune ci sono due linee opposte: "Sbagliato scaricare sulla città tutti gli oneri come è stato fatto negli ultimi anni. La strada giusta è l'accoglienza diffusa"

29 settembre - 18:14

La Provincia rinnova infine l'appello di seguire le regole: "Si devono tutelare il più possibile gli anziani, obiettivo che i giovani devono concorrere a raggiungere attuando le regole igieniche e il corretto distanziamento"

29 settembre - 17:19

Se Riva pare la piazza più in bilico dove la destra potrebbe tentare il colpo forte anche dell'alleanza con i civici di Malfer e il Patt locale, quello provinciale ricorda ai suoi elettori da che parte sta l'Autonomia. Intanto anche le Sardine tornano a farsi sentire (giovedì a Riva alle 17 ci sarà un flash mob) ben consce del fatto che anche nelle piazze dove qualcuno poteva sperare nel cambiamento il rischio di ritrovarsi con la Lega del Trentino (e non quella di Zaia) al governo è troppo alto 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato