Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, un nuovo positivo che ha manifestato i sintomi negli ultimi 5 giorni. Rispetto a venerdì 1 caso a Storo. Ci sono altri 2 guariti a Valdaone

Il contagiato non è ospite di Rsa o minorenne. Un paziente ancora in terapia intensiva. Sono complessivamente 5.444 i casi da inizio emergenza e 468 decessi con Covid-19

Di Luca Andreazza - 07 giugno 2020 - 19:06

TRENTO. Ci sono 5.444 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 1.482 (607 letti da Apss, 323 da Cibio e 522 da Fondazione Mach) per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,07% (Qui articolo).

 

Fortunatamente non sono stati registrati nelle ultime 24 ore decessi legati a Covid-19. A Trento sono state 47 le vittime da inizio epidemia, 34 a Pergine Arco, 31 a Rovereto, 30 a Ledro. Sono 20 i morti a Predazzo, 16 a DroMezzolombardo Riva del Garda e 13 a Cavedine Pieve di Bono-Prezzo, 12 a Pellizzano, 11 a Lavis, 10 a Borgo Chiese Nomi.

C'è un nuovo positivo, diagnosticato a Trento che sale a 683 casi da inizio epidemia. Una persona che ha manifestato i sintomi negli ultimi 5 giorni e non riguarda un ospite di Rsa o un minorenne. Sono 7 le persone ricoverate nelle strutture ospedaliere con coronavirus, mentre una persona si trova in terapia intensiva.

Ci sono 6 guariti a Trento, 2 a Rovereto e Valdaone. Un guarito a Bleggio Superiore, Borgo Chiese, Caderzone e Carzano, Castelnuovo, Cles e Croviana, Dro, Fiavè, Porte di Rendena, San Michele, Sant'Orsola, Sella Giudicarie, Storo, Tione e Vermiglio.


Tassi di contagio
. Sono 5 i Comuni già attenzionati per l'alto numero di casi in rapporto alla popolazione che nelle scorse settimane hanno effettuato i test sierologiciVermiglio (4,2%), Canazei (5%) e Campitello di Fassa (6,2%), Borgo Chiese (6,5%) e Pieve di Bono-Prezzo al 6,9%. Un'altra operazione simile è prevista in altri 17 territori ma non sembra aver riscontrato il favore della popolazione, una bassa adesione ai test.

Numeri alti anche a Pellizzano (7,7%), Bleggio Superiore (5,1%), Mazzin (3,4%), Ledro (3,3%), Canal San Bovo (3%), Valdaone (2,8%), Predazzo Storo (2,7%), Nomi, Spiazzo e Cavedago (2,6%), San Giovanni (2,5%), Sella Giudicarie (2,4%), PinzoloGiustino e Caderzone (2,3%), Castello-Molina di FiemmeDrena Soraga (2,2%), Cavedine Arco (2,1%), Cavalese (2%). Il tasso a livello provinciale è di 1%. A Trento si registra 0,57%, Rovereto a 0,53%, Riva del Garda a 0,96% e Pergine a 1,2%.

 


 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 settembre - 12:15

Santi-Malfer c’è l’apparentamento. La furia del Pd: “Si sarebbe potuta trovare la sintesi a quanto pare però, il problema non era politico ma di poltrone. È evidente che le ambizioni personali e il rancore sono stati anteposti ai programmi politici, ma così non si fa il bene della comunità”

26 settembre - 11:26

I due, di 27 e 32 anni, erano d'accordo che si sarebbero trovati alle 17 a Malga Silvella, per percorrere da lì il sentiero che porta al Filmoorstandschützenhütte, rifugio di Kartitsch dove avrebbero passato tre giorni

26 settembre - 12:21

La sezione di Riva del Garda rischia in questo modo di frantumarsi ulteriormente, la scelta di apparentarsi con la candidata sostenuta tra gli altri da Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia non convince nuovamente parte degli autonomisti stessi. Un Patt che già è arrivato diviso alle elezioni tra i candidati che hanno corso senza simbolo con il sindaco uscente e il movimento che si è schierato con Malfer 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato