Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, in Veneto 258 nuovi contagi in 15 ore. Sono 12 le persone morte nella notte

I dati dell'ultimo bollettino della regione Veneto. I contagi superano gli 8 mila casi e sono quasi 20 mila le persone in isolamento domiciliare 

Pubblicato il - 31 marzo 2020 - 10:42

VERONA. Ci sono stati 258 nuovi casi di contagio in Veneto da coronavirus rilevati dalle 17 ieri ieri sera a questa mattina. Il dato è contenuto nel nuovo bollettino della regione Veneto.

 

Nelle ultime 15 ore si registrano inoltre altri 12 decessi che fanno salire a 477 le persone morte per covid 19.

I negativizzati virologici sono 519 e le persone in isolamento domiciliare 19.945.

 

Analizzando i dati delle singole provincie si può osservare un aumento di contagi  a Padova e Vicenza con entrambe 54 casi positivi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 ottobre - 05:01

Il racconto dell’altra faccia della prima linea contro il coronavirus, la storia di Veronica Righi che si occupa di ricostruire i contatti stretti dei positivi: “Come assistenti sanitari siamo pochi in Italia, prima nessuno ci conosceva ma con la pandemia la gente inizia a capire cosa facciamo”

19 ottobre - 20:05

Ci sono 44 pazienti nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, nessuno si trova nel reparto di terapia intensiva ma 7 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 79 positivi a fronte dell'analisi di 1.521 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 5,2%

19 ottobre - 19:53

Mentre ci sono oltre 170 lavoratori che scioperano e lottano per i loro diritti, in consiglio provinciale l'assessore competente ha fatto il punto sulla loro situazione spiegando: ''E’ chiaro che non è intenzione della Pat assecondare decisioni che impattano negativamente sulle condizioni di benessere dei lavoratori, che sono i nostri lavoratori trentini, ma non possiamo però ignorare le istanze che vengono dal tessuto produttivo''. Per il segretario della Cgil ''Fugatti abbandona i lavoratori al proprio destino''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato