Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, salgono i contagi in Veneto. Nel veronese 120 nuovi casi in una notte

I dati sono stati forniti dall'Azienda sanitaria veneta. Tra Verona e Padova oltre 190 nuovi positivi. Sono quasi 20 mila i veneti che si trovano in isolamento domiciliare 

Pubblicato il - 05 April 2020 - 11:43

VERONA. Torna ad aumentare il numero di contagiati in Veneto ma la crescita potrebbe essere dovuta anche dall'aumento dei tamponi che sono stati fatti nelle ultime ore.

 

Secondo i dati forniti questa mattina dall'azienda sanitaria, l'incremento rispetto alle 17 di ieri, è stato di 280 nuovi casi positivi. Un boom di nuovi contagi è stato registrato a Verona con 121 positivi in 15 ore seguita poi Padova con 70 nuovi casi e Venezia con 46.

I casi attualmente positivi per quanto riguarda il Veneto arrivano a 9650. Sono invece sette i decessi nelle ultime ore per un totale di 631 morti dall'inizio della pandemia.

Calano i pazienti che si trovano in terapia intensiva. Sono un totale di 19.987 le persone in isolamento domiciliare, 1.563 i ricoverati e 329 i terapia intensiva mentre sono 1.175 i dimessi e 945 i negativizzati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 January - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 January - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 January - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato