Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, la volante si schianta contro il guard-rail. Stava inseguendo una moto che aveva saltato

E' successo a Ponte San Nicolò nel padovano, i poliziotti sono messi all'inseguimento di un motociclista fuggito a un posto di blocco. Le forze dell'ordine sono poi riuscite a risalire alla targa e al proprietario della moto, il centauro rischia anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale

Pubblicato il - 14 aprile 2020 - 12:31

PONTE SAN NICOLO'. Una auto della polizia si è schiantata contro un cartello stradale nel mezzo di un inseguimento. 

 

E' successo intorno alle 13 di ieri, lunedì 13 aprile, a Ponte San Nicolò nel padovano, quando i poliziotti sono messi all'inseguimento di un motociclista fuggito a un posto di blocco per i controlli sul rispetto delle restrizioni imposte dal Dpcm per fronteggiare l'emergenza coronavirus

 

Gli agenti sono saliti subito a bordo della volante per cercare di fermare la moto, ma l'inseguimento si è concluso contro un cartello stradale sotto il cavalcavia della tangenziale. Arrivato a un incrocio, il centauro ha sterzato improvvisamente mentre la polizia non è riuscita nella manovra.

 

Fortunatamente gli agenti non sono rimasti feriti, mentre il centauro è poi riuscito a far perdere le proprie tracce. Le indagini sono comunque proseguite e le forze dell'ordine tramite la collaborazione con la municipale, hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza lungo la via per identificare la targa della moto che ha saltato il posto di blocco.

 

Le forze dell'ordine sono così riuscite a risalire alla targa e al proprietario della moto, il centauro è stato così individuato. Oltre alla multa, il conducente rischia anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 09:25

Andrea Villotti oltre ad essere il numero uno della società che si occupa di gestire il patrimonio immobiliare degli enti pubblici del Trentino (che, però, non pubblica il suo curriculum vitae nonostante i termini siano scaduti per l'Anticorruzione) è direttore emerito del Milton Friedman Institute e all'indomani del dpcm di Conte il suo direttore esecutivo ha comunicato che: ''Il nostro Istituto inizierà una incessante campagna per la disobbedienza fiscale al fianco di tutti quegli imprenditori colpiti da queste assurde misure che minano la convivenza civile''

26 ottobre - 18:38

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato