Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, scuole e università chiuse fino al 3 aprile e anche il Trentino, Alto Adige e il resto d'Italia diventano zona rossa

Il governo uniforma le misure per arginare il diffondersi del coronavirus a livello nazionale. Una norma che entra in vigore da martedì 10 marzo. Il premier Conte: "E' il momento della responsabilità, compresa quella dei cittadini. In queste ore medici e infermieri sono in trincea che lavorano senza sosta. Oggi nel prendere queste misure penso anche a loro e li ringrazio perché rischiano la salute per il prossimo"

Di Luca Andreazza - 09 marzo 2020 - 21:53

TRENTO. Nessuna zona rossa o arancione, il governo decide di uniformare le misure per arginare il diffondersi del coronavirus a livello nazionale. Una norma che entra in vigore da martedì 10 marzo. "Un'Italia a zona protetta", commenta il premier Giuseppe Conte, che aggiunge: "Gli spostamenti devono essere motivati per comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute". Le scuole di ogni ordine e grado e le università restano chiuse fino al 3 aprile

 

C'è un un divieto di assembramenti all'aperto e in locali aperti al pubblico. "Comprendiamo la necessità di socializzare, soprattutto dei più giovani. Abbiamo visto diverse immagini in questo senso - prosegue Conte - ma non ci possiamo permettere momenti di aggregazione, che diventano un veicolo di contagio. Non è facile prendere queste decisioni, ma siamo pienamente consapevoli della gravità della scelta, ma sono costretto a intervenire in modo deciso per proteggere tutti noi e le persone più fragili". 

 

Si passa in definitiva da un provvedimento applicato inizialmente a Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia a tutto il suolo nazionale. 

 

"L'Italia garantisce la sanità e il diritto di cura a tutti - dice Conte - una caratteristica del sistema della nostra civiltà e non possiamo abbassare guardia. E' il momento della responsabilità, compresa quella dei cittadini. In queste ore medici e infermieri sono in trincea che lavorano senza sosta. Oggi nel prendere queste misure penso anche a loro e li ringrazio perché rischiano la salute per il prossimo. La decisione giusta oggi è quella di restare a casa. Il futuro dell'Italia è nelle nostre mani e ognuno deve fare la propria parte".

 

Tra gli altri provvedimenti presi ci sono i seguenti:

- Vietati gli spostamenti in entrata e uscita. Ci si può muovere solo per emergenze o "comprovate" esigenze lavorative, che dovranno però essere autorizzate dal prefetto. Divieto assoluto di mobilità per chi sia stato in quarantena.

L'attività didattica per le scuole di ogni ordine e grado, atenei e accademie è sospesa fino al 3 aprile.

- I bar e i ristoranti possono restare aperti solo dalle 6 alle 18 sempre che il gestore sia in grado di rispettare "l'obbligo" di assicurare la distanza di sicurezza interpersonale nei locali.

Chiuse palestre e piscine, spa e centri benessere. Le competizioni sportive all'aperto sono ammesse solo se giocate a porte chiuse.

- Chiusi musei, centri sculturali e stazioni sciistiche.

- Sono sospese cerimonie civili e religiose come tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, come grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati.

- Se possibile si raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodo di congedo ordinario o di ferie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 luglio - 06:01

I numeri sembrano bocciare l'operazione ragionieristica dell'assessore nel criterio selezionato per licenziare il ddl commercio, quello delle chiusure domenicali e festive di supermercati e negozi. A salvarsi Venezia, Torino, Berlino e Parigi tagliate invece fuori

04 luglio - 19:55

Una sorta di sconto che lo Stato italiano fornisce a chi decide di soggiornare presso una struttura ricettiva italiana. Tra i trentini che hanno colto l'occasione anche Stefano Grassi: "In poco tempo arriva un codice che si dovrà poi mostrare all'albergatore per ottenere lo sconto"

04 luglio - 19:47

Il candidato sindaco è pronto a guastare la festa sia “alla coalizione arcobaleno” che alla “disaggregazione di destra”. Carli vuole plasmare una Trento sul modello delle grandi metropoli europee: “C’è bisogno di una leadership forte ed inclusiva, il Centrosinistra ha tenuto ferma la città per una generazione ora è tempo di riprendere in mano tutti i progetti rimasti incompiuti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato