Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, scuole e università chiuse fino al 3 aprile e anche il Trentino, Alto Adige e il resto d'Italia diventano zona rossa

Il governo uniforma le misure per arginare il diffondersi del coronavirus a livello nazionale. Una norma che entra in vigore da martedì 10 marzo. Il premier Conte: "E' il momento della responsabilità, compresa quella dei cittadini. In queste ore medici e infermieri sono in trincea che lavorano senza sosta. Oggi nel prendere queste misure penso anche a loro e li ringrazio perché rischiano la salute per il prossimo"

Di Luca Andreazza - 09 marzo 2020 - 21:53

TRENTO. Nessuna zona rossa o arancione, il governo decide di uniformare le misure per arginare il diffondersi del coronavirus a livello nazionale. Una norma che entra in vigore da martedì 10 marzo. "Un'Italia a zona protetta", commenta il premier Giuseppe Conte, che aggiunge: "Gli spostamenti devono essere motivati per comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute". Le scuole di ogni ordine e grado e le università restano chiuse fino al 3 aprile

 

C'è un un divieto di assembramenti all'aperto e in locali aperti al pubblico. "Comprendiamo la necessità di socializzare, soprattutto dei più giovani. Abbiamo visto diverse immagini in questo senso - prosegue Conte - ma non ci possiamo permettere momenti di aggregazione, che diventano un veicolo di contagio. Non è facile prendere queste decisioni, ma siamo pienamente consapevoli della gravità della scelta, ma sono costretto a intervenire in modo deciso per proteggere tutti noi e le persone più fragili". 

 

Si passa in definitiva da un provvedimento applicato inizialmente a Lombardia e province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia a tutto il suolo nazionale. 

 

"L'Italia garantisce la sanità e il diritto di cura a tutti - dice Conte - una caratteristica del sistema della nostra civiltà e non possiamo abbassare guardia. E' il momento della responsabilità, compresa quella dei cittadini. In queste ore medici e infermieri sono in trincea che lavorano senza sosta. Oggi nel prendere queste misure penso anche a loro e li ringrazio perché rischiano la salute per il prossimo. La decisione giusta oggi è quella di restare a casa. Il futuro dell'Italia è nelle nostre mani e ognuno deve fare la propria parte".

 

Tra gli altri provvedimenti presi ci sono i seguenti:

- Vietati gli spostamenti in entrata e uscita. Ci si può muovere solo per emergenze o "comprovate" esigenze lavorative, che dovranno però essere autorizzate dal prefetto. Divieto assoluto di mobilità per chi sia stato in quarantena.

L'attività didattica per le scuole di ogni ordine e grado, atenei e accademie è sospesa fino al 3 aprile.

- I bar e i ristoranti possono restare aperti solo dalle 6 alle 18 sempre che il gestore sia in grado di rispettare "l'obbligo" di assicurare la distanza di sicurezza interpersonale nei locali.

Chiuse palestre e piscine, spa e centri benessere. Le competizioni sportive all'aperto sono ammesse solo se giocate a porte chiuse.

- Chiusi musei, centri sculturali e stazioni sciistiche.

- Sono sospese cerimonie civili e religiose come tutte le manifestazioni organizzate, nonché gli eventi in luogo pubblico o privato, compresi quelli di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi ma aperti al pubblico, come grandi eventi, cinema, teatri, pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati.

- Se possibile si raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodo di congedo ordinario o di ferie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato